Come conservare il lievito di birra?

Congelare o non congelare: questo è il problema


Logo Zalando 190x52

Come conservare il lievito di birra? Se si intende tenerne un po’ di scorta si potrà usare quello disidratato o mettere in freezer quello fresco.

Vale la pena fare scorta di lievito di birra?

Il lievito di birra è disponibile in vendita in due tipi di formato: fresco, venduto in panetti rettangolari, e disidratato, venduto in bustine.

Il lievito fresco si conserva per pochi giorni nella sua confezione, per pochissimi una volta aperto. Anche se tenuto in frigorifero, infatti, si ricoprirà velocemente di una scura patina di muffa. Nel momento in cui sarà muffito è consigliabile non usare più il lievito fresco, anche se alcuni sostengono che è possibile semplicemente grattar via la muffa con un coltello.

Apparentemente quindi non conviene fare grandi acquisti di lievito di birra, ma piuttosto comprarne di fresco quando è necessario. Per quanto sia corretto, questo sistema può risultare piuttosto scomodo, perché non sempre abbiamo modo e tempo di acquistarlo appositamente.

Il lievito disidratato non presenta questi problemi: ha un periodo di scadenza molto più lungo e non ha bisogno di particolari accorgimenti per mantenerlo in buona salute. Anche in questo caso sarà fondamentale non usare il prodotto oltre la data di scadenza.

Come conservare il lievito di birra fresco?

E’ molto raro che si utilizzi un intero panetto di lievito per la preparazione di un unico impasto. Cosa fare allora della parte avanzata? Dividerla in porzioni più piccole, e congelarla.

Contrariamente a quanto si crede infatti il lievito di birra non perde le sue caratteristiche se esposto a un drastico abbassamento di temperatura. 

Per evitare contaminazioni all’interno del freezer basterà sigillare ogni porzione con carta argentata o pellicola trasparente per alimenti.

Al momento di utilizzarlo si dovrà soltanto adoperarne un po’ più del solito e scioglierlo in acqua tiepida senza prima attendere che si sia scongelato.