Scopriamo tutto quel che c’è da sapere sul coniglietto nano. Le razze più apprezzate e cercate da chi decide di tenerne uno.

Tra gli animali domestici, uno tra i più apprezzati e scelti da chi decide di accogliere un peloso nella propria casa, è senza alcun dubbio il coniglietto nano. Le razze disponibili sono infatti diverse e tutte bellissime e con caratteristiche diverse che rendono la scelta ancor più importante. Cerchiamo quindi di scoprire quali sono le più diffuse e cosa le caratterizza.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Coniglietto nano: le razze da conoscere

Scegliere un coniglio nano di razza non è sempre semplice. Esistono infatti conigli nani di razze diverse e tra le quali è possibile scegliere e che è bene conoscere al fine di capire quale meglio si adatta alla propria persona.

conigli nani
conigli nani

Tra le più note e diffuse ci sono:

Il testa di leone. Di statura media e con un peso che arriva intorno al chilo e mezzo.
– L’ariete. Esistente in diversi colori e con un peso che si aggira intorno ai 2 chili.
– L’Himalaya. Noto per il suo essere estremamente giocherellone e bisognoso di attenzioni.
– L’olandese. Più pesante di altri conigli e molto intelligente e socievole.
– Il nano colorato. Piccolissimo e con un peso che non supera il chilo. Ha una vita media di circa 10 anni.
– Il polacco. Piccolissimo non sopporta i rumori forti. Motivo per cui è meglio non tenerlo in luoghi rumorosi o dove vivono anche dei bambini.
L’angora. Famoso per il suo manto morbido, vive tranquillamente con altri animali.

Come accogliere al meglio un coniglietto nano

Una volta scelto il coniglietto nano che si sente più affine, è importante accoglierlo nel modo corretto.
Per prima cosa è molto importante scegliere un punto della casa da destinargli e dove tenere le sue cose.
Questo dovrà essere ovviamente privo di pericoli ed il più accogliente possibile.

È bene predisporgli vicino acqua e cibo e dei giochi per aiutarlo a non annoiarsi.
Infine non deve mancare la lettiera alla quale andrà educato pian piano. Il tutto ricordando che ogni coniglio ha il suo carattere ma che in generale ogni esemplare ha bisogno dei propri spazi e di cure (sia in quanto ad affetto che per ciò che concerne l’igiene) e visite dal veterinario che non dovranno mai mancare.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 13-11-2021

Bassotto, carattere e prezzo: cosa sapere prima di accoglierlo in casa?

La storia di Luna e Beto, il cane e la scimmietta inseparabili