Condannata alla prigione perché voleva vedere una partita di pallavolo: ecco la storia di una ragazza iraniana

La ragazza iraniana Ghoncheh Ghavami è stata condannata ad un anno di carcere per aver tentato di vedere una partita di volley maschile.

chiudi

Caricamento Player...

La ragazza iraniana Ghoncheh Ghavami è stata arrestata e condannata ad un anno di reclusione per aver tentato di vedere una partita di volley maschile lo scorso giugno.

La giovane britannica di origine iraniana aveva chiesto di assistere all’incontro di World League Iran-Italia, malgrado la rigida legge islamico-sciita lo proibisca espressamente; il processo contro di lei si è concluso con una sentenza di un anno di reclusione emessa ieri dal giudice di Teheran.

La ragazza iraniana era stata arresta lo scorso 20 giugno e rinchiusa nella prigione di Evin a Teheran per aver chiesto di poter assistere ad una partita di pallavolo maschile, insieme ad altre attiviste come lei; in quel frangente Ghoncheh Ghavami era stata arrestata e poi subito dopo rilasciata su cauzione e poi nuovamente arrestata.

Rimasta in isolamento per diverse settimane la ragazza iraniana ha iniziato il mese scorso anche uno sciopero della fame, insieme alla madre la quale promise che avrebbe continuato finchè non fosse stato garantito alla figlia un giusto processo.

La giustizia ha risposto, il processo è stato accordato, ma non altrettanta soddisfazione ha dato l’esito dello stesso; Ghoncheh Ghavami ha ricevuto una condanna di un anno per “attività e propaganda contro lo Stato islamico”, e solo per aver tentato di vedere una partita di pallavolo.