Non è propriamente una passeggiata, ma tingere i tessuti con la tecnica giapponese Shibori si può. Come?

Si chiama Shibori e come tutta la tradizione giapponese, è antica e davvero ad effetto. Si fa conoscere in Italia grazie all’onda di “bio e vegan” che ha investito il nostro paese.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Del tutto naturale, questa tecnica di tintura dei tessuti può regalare decorazioni davvero originali. Come fare? Prima di tutto procuriamoci del tessuto naturale al 100%, meglio se cotone, dopodiché della tintura in polvere vegetale. Tante mollette da bucato, elastici, spago e ovviamente dei guanti per proteggerci le mani.

Prepariamo per partire il colore, usando un secchio e ritagliamo la stoffa che ci serve da tingere. Ripieghiamo la sezione, ottenendo un triangolo finale e assicurandolo bele con delle mollette. Con i guanti, immergiamo poi i tessuti nel bagno di colore, dopo aver fissato dei tasselli o dei bastoncini di legno al tessuto per creare delle forme diverse.

Risciacquando bene dopo aver atteso i tempi di tintura scritti sulla confezione del solubile vegetale, lasciamo asciugare. Ed ecco qua, il gioco è fatto! Avrete in questo modo un capo d’abbigliamento o arredamento assolutamente unico… e per di più potrebbe essere un’ottima idea regalo!

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 12-10-2015

Posizioni sessuali con il ciclo

Come partecipare ballo delle debuttanti Milano