Pulire la cappa regolarmente ne assicura il corretto funzionamento: vediamo come pulire la cappa in acciaio senza sforzo.

La cappa è spesso uno degli elementi della cucina più trascurati quando è il momento di fare le pulizie. Eppure è proprio quella che si sporca più facilmente e su cui tendono ad accumularsi macchie e il grasso più ostinato si deposita. Una cappa non pulita a dovere finisce anche per non funzionare a pieno regime, ecco perché vedremo come pulire la cappa in acciaio e quali accortezze utilizzare per la pulizia dei filtri.

Come pulire la cappa in acciaio: rimuovere le macchie ostinate

Per pulire la cappa in acciaio è bene partire dalla pulizia della porzione esterna e ricordarsi che il miglior metodo da seguire è quello di pulirla regolarmente. Dedicandosi alla pulizia della cappa almeno una o due volte a settimana si evita che le macchie e i residui di grasso si incrostino e diventino più difficili da pulire.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Pulire la cappa
Pulire la cappa

Nel caso in cui si vogliano far ammorbidire le incrostazioni si può comunque usare un semplice trucco: mettere a bollire una pentola d’acqua con un bicchiere d’aceto. Il vapore aiuterà ad ammorbidire il grasso e le incrostazioni, dopodiché basterà rimuoverlo con un panno in microfibra.

Pulire la cappa in acciaio: pulizia regolare

Per la pulizia regolare potete preparare una soluzione di acqua e bicarbonato: mettete a bollire una pentola d’acqua e dopo averla spenta versate all’interno due cucchiai di bicarbonato, il vostro miglior alleato per pulire l’acciaio. Applicate, quindi, la miscela aiutandovi con una spugna morbida e insistendo sui punti maggiormente interessati dalle macchie.

Bicarbonato
Bicarbonato

Le griglie metalliche andrebbero rimosse e pulite almeno una volta ogni due mesi. Per rimuovere più facilmente le incrostazioni potete aiutarvi con acqua e aceto o con una miscela di acqua e bicarbonato. Ricordate che, invece, il filtro della cappa non può sempre essere lavato: nel caso in cui si tratti di un filtro a carboni attivi dovrà essere sostituito all’incirca ogni 3-4 mesi. Altri tipi di cappe, invece, hanno un filtro metallico che può essere lavato direttamente in lavastoviglie oppure in acqua calda aggiungendo un po’ di detersivo. Prima di procedere assicuratevi sempre di consultare il manuale della cappa se non siete sicure del metodo di pulizia da usare per i filtri.


Male alla sciatica? Rimedi naturali che donano sollievo velocemente

Cosa attira i moscerini in casa e come fare a liberarsene?