Come funziona la dieta Lemme

Come funziona la dieta Lemme

chiudi

Caricamento Player...

Amata e odiata da molti la dieta Lemme è la filosofia alimentare del farmacista Alberico Lemme che promette di perdere fino a 10 chili in un mese. Conosciuta come la dieta degli spaghetti a colazione, la dieta Lemme si trova divisa tra forti sostenitori e persone che criticano negativamente questo regime alimentare. Ma come funziona la dieta Lemme? Si basa principalmente su due fasi, ovvero una di “dimagrimento”, che dura fino al raggiungimento dell’obiettivo iniziale, e una di “educazione alimentare” che dura circa tre mesi e questa fase, precisa Lemme, “si basa sul gusto personale, con la possibilità di nutrirsi mangiando di tutto senza mai più ingrassare”.

Principi base della dieta Lemme: quali sono gli alimenti concessi e quali assolutamente vietati

Sono tassativamente vietati biscotti, dolciumi e lo zucchero in genere, mentre per colazione si consiglia un piatto di spaghetti, cotti senza sale.Da abolire dunque il sale, in quanto causa ipertensione e aumenterebbe l’indice glicemico dei cibi. Niente zucchero industriale, in quanto stimola l’insulina e niente pane nella fase iniziale. I carboidrati andranno presi principalmente dalla pasta e in parte da frutta e verdura e Alberico Lemme sottolinea come sia l’uso combinato di pane e pasta a produrre un eccesso di carboidrati.

Alimenti permessi sono carne e pesce, acqua, tè e caffè. Per condire olio extra vergine d’oliva, pepe, prezzemolo, peperoncino, aglio, salvia, limone e cipolla. Spezie in sostituzione del sale. Infine, nessun abbinamento tra carne e pasta, proteine e carboidrati. Nella stessa giornata non bisogna mai accostare alimenti proteici ricchi di carboidrati. Per quanto riguarda le cotture sono consentite tutte, anche la frittura.

Tuttavia, prima di poter seguire la dieta Lemme, si consiglia di effettuare una visita presso il Centro Alimentare di Desio ,così da valutare se il soggetto è predisposto e se ha la volontà di seguire un regime alimentare piuttosto alternativo e, in caso di esito positivo,accedere ad una visita.

Fonte immagine copertina: filosofialimentare