Come fare repellenti naturali per serpenti?

Allontanare questi ospiti sgraditi senza ricorrere a pesticidi chimici

chiudi

Caricamento Player...

Come fare repellenti naturali per serpenti che siano realmente efficaci? E’ innanzitutto bene sapere che qualunque repellente naturale avrà un’efficacia più blanda di qualsiasi repellente chimico fabbricato apposta per essere efficace contro determinate specie di animali o di insetti. Il prezzo per questa efficacia tuttavia viene pagato dal terreno in cui i repellenti vengono utilizzati, dal momento che potrebbero venire inquinati, soprattutto dall’utilizzo di quantità ingenti di pesticidi.

Come fare repellenti naturali per serpenti?

I serpenti esplorano un territorio e lo valutano adatto alla loro permanenza attraverso un sensibilissimo olfatto. Stimolare in maniera sgradevole l’olfatto di un serpente è quindi il metodo più efficace per allontanarlo.
Un repellente naturale a questo fine è quello che si ottiene mettendo a macerare in olio frammenti i stecca di cannella e chiodi di garofano. E’ importante che il composto sia estremamente odoroso, quindi gli ingredienti andranno lasciati macerare al buio per almeno due giorni. Quando il composto sarà pronto andrà versato lungo i confini del giardino che si vuole difendere oppure concentrato in batuffoli di cotone idrofilo disposti strategicamente. Di tanto in tanto sarà bene ripetere il processo con olio fresco.

Il vantaggio da non sottovalutare di questo metodo consiste nel fatto che non ha alcun impatto nocivo né sul terreno né su eventuali animali che abitano il giardino.

Repellenti più invasivi

Spargere naftalina nell’area da cui si intende allontanare i rettili è un metodo certamente efficace – probabilmente più efficace di quelli basati su oli essenziali – ma comporta il grande svantaggio di inquinare irrimediabilmente il terreno e l’ambiente circostante. Va utilizzata quindi soltanto in casi estremamente seri, in cui è necessario ad esempio liberarsi di diversi esemplari che stanno infestando l’area o quando si dispone di pochissimo tempo per attuare la disinfestazione.
Infine, una buona condotta da mantenere per evitare che il proprio giardino diventi dimora di rettili indesiderati è la cura costante dell’ambiente. L’erba andrà tagliata di frequente, non andranno lasciate cataste di legno alle intemperie, né mucchi di sassi perché entrambi costituiscono un ottimo rifugio per i serpenti. Si dovrà inoltre costruire una recinzione continua e compatta, attraverso cui i serpenti non possano passare e a cui non andrà appoggiato nulla, per evitare che i serpenti utilizzino gli oggetti lasciati incustoditi come scale da utilizzare per scavalcare la recinzione.