Come fare domanda per l’Erasmus

Ecco spiegata la procedura burocratica per fare richiesta

chiudi

Caricamento Player...

Partire in Erasmus è il sogno di molti studenti universitari europei, nonché italiani. Ma bisogna sapere come fare domanda per l’Erasmus per avere la possibilità di partecipare. Molti ragazzi si scoraggiano pensando all’iter da seguire, ma in realtà è più facile di quanto sembra. L’importante è avere a disposizione i documenti necessari e presentare la domanda in tempo, rispettando le scadenze del bando. Ogni università ne pubblica uno periodicamente, quindi tenete d’occhio il sito e munitevi di carta e penna. Anche il sito ufficiale contiene solo informazioni generali, visto che i bandi sono specifici per ogni ateneo.

Come fare domanda per l’Erasmus

Ogni bando è diverso e può avere diversi requisiti di ammissione, secondo i voti o i crediti già raggiunti. Solitamente servono una lettera di motivazione, il curriculum di studio con la media e una certificazione del livello della lingua del Paese ospitante. Dovrete selezionare una destinazione principale, più altre due nel caso quella non fosse disponibile. Tutto questo va fatto l’anno prima della partenza, quindi decidete in anticipo dove volete andare e per quanto tempo (tre mesi, sei mesi o un anno). Solo a fine bando uscirà la graduatoria che vi dirà se siete stati accettati o meno.

Cosa fare dopo l’accettazione

Dopo la scadenza del bando, seguirà una procedura di accettazione della borsa di studio. Se qualcuno rinuncia o se ci sono Paesi non scelti da nessuno, anche chi non è passato può avere una chance. Che cosa fare a questo punto? Prima di partire è importante scegliere gli esami che si daranno all’estero, che devono essere approvati da entrambe le università. Solitamente c’è un tutor a cui affidarsi all’arrivo, quindi niente paura. Alcune facoltà inoltre offrono alloggi più che adeguati, mentre in altri casi dovrete cercare stanze condivise su Internet o in loco. In tal caso, soggiornate in ostello per qualche giorno e poi consultate le bacheche universitarie.