Che imbarazzo, gli odori intimi. Come evitarli, come prevenirli e come capirli, innanzitutto? Non è un tabù, se trattato con le giuste maniere.

Basta lavare e rilavare con infinite lavande, senza sapere da dove provengono i cattivi odori. Innanzitutto, non fatevene un cruccio: l’odore non è colpa vostra.

Spesso si è soggette ad infezioni vaginali per via sessuale, quindi più che stare attente alla vostra vita amorosa, sappiate che le parti intime si mantengono pulite da sole. Certo, un aiutino con i detergenti diamoglielo, ma sappiate che usando costantemente e insistentemente sapone o agenti a PH aggressivo, vi mettete con le vostre mani a rischio infezione.

I rimedi più antichi sono quelli a base di aceto e acqua. L’alimentazione, poi, è importante: al bando gli zuccheri, latte e lieviti (la candida, ad esempio, persiste a causa degli zuccheri) e assumete una tavoletta di aceto di sidro dopo ogni pasto.

Esistono anche batteri recidivi genitali, per combatterli basta indossare biancheria di cotone (e non in fibra sintetica come poliestere o viscosa) ed usate una polvere a base di fecola di mais al posto del talco. Spesso questa situazione è causata da deodoranti intimi, che tendono a modificare l’equilibrio batterico interno.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-06-2014


Pillola del giorno dopo dove si compra

Problema odore ascelle cosa fare