Capita spesso di chiedersi come educare un gatto, sopratutto se si è alle prime armi e si ha a che fare all’improvviso con un micino. Scopriamo quindi quali sono i passi da seguire.

Educare un gatto si rileva particolarmente importante per far comprendere al proprio animale domestico le regole base per una buona convivenza ma anche per il suo stesso benessere.
Inoltre, educare il gatto significa anche instaurare un rapporto più stretto e dare il via ad una relazione positiva e nella quale si è in grado di comprendersi a vicenda. Basi indispensabile per vivere al meglio la nuova convivenza.

Come educare un gattino

Quando in casa arriva un nuovo micetto, subito dopo essersi preoccupati di rendere l’ambiente domestico a sua misura e il più possibile sicuro ed in grado di soddisfarne le necessità, è importante passare alla sua educazione.

gattino
gattino

Ci sono infatti diversi aspetti che andrebbero curati in tal senso e che riguardano gli orari per le pappe, i punti in cui non dovrebbe andare e l’uso della lettiera.
Riguardo quest’ultimo aspetto e al come educare un gatto alla lettiera, solitamente ci si trova davanti allo scoglio più difficile. Per iniziare è importante posizionare quest’ultima lontano dal cibo ma non troppo, in modo da renderla sempre raggiungibile.
Fatto ciò è importante mostrarla al gattino e se non entra da solo, aiutarlo a prendervi confidenza. La presenza della sabbia dovrebbe spingerlo a recarvisi spontaneamente al momento del bisogno.

Ovviamente, per incentivarlo, occorrerà tenere sempre la zona ben pulita e aiutare il micino a raggiungerla se, i primi tempi, appare spaesato. In questo modo, la gestione della stessa risulterà presto molto semplice.
Più in generale, per educare un gattino, basta dargli dei rinforzi positivi, non urlare mai contro di lui ma emettere dei suoni forti (come un battito di mani) quando lo si vede agire nel modo sbagliato. La ricompensa per i gesti corretti lo porterà a raddrizzare ben presto il tiro da solo.

Come educare un gatto aggressivo

A volte può capitare di prendere un gatto già grande. In questi casi, ovviamente, la situazione può rivelarsi più complessa e meno intuitiva.
Quando ci si chiede come educare un gatto adulto bisogna infatti partire dal presupposto che si tratta di un essere che ha già le sue abitudini e che in passato potrebbe aver avuto delle esperienze negative. Per questo motivo è molto importante imparare ad osservarlo e a comprendere il perché di determinati atteggiamenti. Fatto ciò si potrà iniziare a dargli qualche abitudine, trattandolo con dolcezza e non rimproverandolo in modo eccessivo.

L‘aggressività, nella maggior parte dei casi è una tecnica di difesa. Una volta a suo agio e compreso che può fidarsi, il gatto dovrebbe iniziare a cambiare atteggiamento. Se ciò non accade, può essere importante rivolgersi ad un comportamentista, in modo da comprendere a pieno il suo disagio ed aiutarlo a risolverlo.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-12-2021


Leishmaniosi nel cane: sintomi, cura e aspettativa di vita

Damiano David, alla scoperta dei suoi gatti che hanno nomi… particolarissimi