Uno dei problemi della società del benessere è lo spreco alimentare; la tendenza è quella di buttare il cibo scaduto.

Non tutto il cibo scaduto si deve buttare, se adeguatamente conservato resta commestibile anche molti giorni o mesi dopo la data di scadenza.

Ciò che è importante è saper leggere l’etichetta e imparare la distinzione tra termine minimo di scadenza (dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”) e data di scadenza (dicitura “da consumarsi entro”).

I cibi freschi riportano tendenzialmente una scadenza perentoria, ma le uova – per esempio – possono essere consumate fino a una settimana dopo la scadenza, mentre lo yogurt fino a 10-15 giorni dopo la scadenza. Per prodotti a lunga conservazione, come pasta, olio, sale, zucchero, spezie, succhi di frutta, acqua. Vino, aceto, conserve la scadenza è un’indicazione di qualità più che di sicurezza e il cibo può essere consumato anche fino a due mesi dopo la data di scadenza indicata.

La regola generale, tuttavia, prima di consumare un prodotto è di controllarne il colore, l’odore e la consistenza prima di mangiarlo e di assaggiarne un poco. In ogni caso, il cibo scaduto può essere consumato in preparazioni che prevedono cotture.


Feng shui, colori da usare pareti del salotto

Come arredare camera da letto piccola