Senso degli affari, capacità di gestione di un punto vendita e di molteplici fornitori. Ecco come aprire una profumeria in franchising.

Conoscenza dei prodotti, capacità di stare al passo con il mercato, capacità di gestione di molteplici fornitori, licenza di profumeria e autorizzazioni varie, un capitale medio-alto da investire sono solo una parte di ciò che è richiesto per aprire una profumeria in franchising.

Anzitutto, infatti, per aprire una profumeria in franchising occorre:

  • individuare il locale più adatto alle proprie esigenze;
  • ricercare i fornitori;
  • ristrutturare il locale (spesso necessario);
  • creare il design per il negozio (se non vi sono linee guida stabilite);

occuparsi di pratiche varie come l’attuazione, pratiche per l’insegna, pratiche burocratiche come l’apertura della partita IVA, l’iscrizione alla Camera di Commercio e agli enti previdenziali, la dichiarazione di avvio attività al comune.

In genere aprire una profumeria in franchising, come ogni altra attività in questa “formula”, è chiaramente più sicuro che aprire un negozio a sé in quanto l’affiliato che apre un’attività in franchising è normalmente più agevolato nell’intera gestione, a cominciare dall’apertura sino alla vendita e ai problemi che possono insorgere, avendo sempre il supporto dell’azienda franchisor.

In sostanza è compito e responsabilità dell’affiliato che decide di aprire una profumeria in franchising il rispettare la marca e il contratto e portare a regime l’attività intrapresa, mentre del resto se ne occupa direttamente la società franchisor.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Quanto tempo tenere maschera argilla viso

Come usare la lacca come anticrespo