Come abbinare le espadrillas

Chi ha più di trent’anni le ha amate ed indossate d’estate negli anni 70, in cui fecero un vero e proprio exploit fashion. Se ne trovavano di tutti i tipi in tutti i negozi.

chiudi

Caricamento Player...

Le espadrillas, famosissime scarpe di tela e corda che fanno subito mare e libertà, sono tornate prepotentemente alla ribalta per questa primavera/estate 2015: flat, con tacco o con zeppa promettono di portare una ventata di colore e spirito gipsy a chiunque le indosserà.

E se non sapete come abbinarle, sappiate che le classiche espadrillas piatte sono molto carine per andare in spiaggia con costume e pareo, ma se vogliamo metterle per andare a fare una passeggiata sarà bene indossarle con un paio di pantaloni e una camicia larga e dal tessuto fresco: lino, cotone o batista, purché leggero. Le più modaiole aggiungeranno una pashmina  impalpabile tutta frange e colori e bracciali in plastica o osso in tinta.

Le espadrillas col tacco sono invece più indicate per le gonne lunghe e larghe, ‘da zingara’ per intenderci, su cui avremo indossato un toppino aderente, inserendo nel look anche collane ed orecchini di grandi dimensioni: siamo in estate ed è tempo di osare; oppure possiamo optare per l’alternativa vestitino leggero (lungo o corto non importa, purché sia d’ispirazione hippy) ed espadrillas con zeppa, di quelle legate alla caviglia, che le ragazzine indosseranno anche allacciandole fino sotto al ginocchio, tipo sandalo alla schiava.

Le espadrillas sono facilissime da abbinare e pratiche da portare, purché non si esageri: se non abbiamo più 18 anni evitiamo di metterle con gli shorts e con magliettine che lascino l’ombelico a vista, per evitare l’effetto ‘adolescente horror’.