Sono in molti ad avere dubbi circa il codice delle uova, ovvero quella serie di numeri posti sul guscio. Ecco a cosa serve e come leggerlo.

Chi ha un occhio attento avrà avuto modo di notare ben più di una volta il codice sulle uova che è presente su tutte quelle che si acquistano e che può variare per colore o carattere.
Si tratta di una serie di numeri all’apparenza privi di significato ma che in realtà indicano tutta una serie di valori utili per identificare la provenienza e il tipo di uovo che si ha davanti. Impariamo quindi a leggerlo e a capire come distinguere le varie uova tra loro anche solo attraverso questi numeri.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Cosa significa la sigla sulle uova

Dal 2004 è diventato obbligatorio applicare dei codici identificativi alle uova. Questi sono solitamente composti da numeri e lettere che indicano dati importanti per il consumatore e che, nonostante le apparenze, sono più semplici da leggere di quanto si pensa.

uova
uova

Per comprenderne il significato è importante distinguere il codice in più parti.
In genere il primo numero indica il tipo di allevamento delle galline, la sigla subito dopo (generalmente IT) il paese dove sono state prodotte le uova. I tre numeri seguenti il comune dell’allevamento, le successive due lettere indicano la provincia di appartenenza e i tre numeri finali l’allevamento di deposizione. Il tutto per un codice che (inventandone uno) è simile a: 0 IT 025 PA 501.

Da qui in poi, con le opportune ricerche possono aiutare a saperne di più sulle uova che siamo soliti consumare ogni giorno. Con il codice allevamento uova si può ad esempio capire da dove arrivano esattamente quelle che siamo soliti consumare ogni giorno.

Come identificare le uova biologiche

Una delle domande che ci si pone più spesso quando si ha a che fare con le uova è come riconoscere il codice per uova biologiche. Queste in genere vengono identificate con il numero 0 (ovvero quello riportato nell’esempio).
Andando agli altri codici, 1 sta per le uova da allevamento all’aperto, 2 per quelle a terra (in capannoni o simili), 3 per quelle da allevamento in gabbia.

Come molti ormai sapranno, le uova considerate migliori sono generalmente quelle biologiche e quelle da allevamento all’aperto. In caso di uova fresche e non acquistate al supermercato, ricordiamo che è sempre preferibile pastorizzarle.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 22-11-2021

Come apparecchiare la tavola a Natale e addobbarla: ecco 5 regole d’oro da seguire

Come pulire i cardi in modo semplice e immediato