Claudio Sona di Uomini e Donne trono gay nasconde qualcosa…

Gabriele Rapetti, uno dei corteggiatori del tronista Claudio Sona ha svelato: “È fidanzato, la redazione finge di indagare”

chiudi

Caricamento Player...

Mistero a Uomini e Donne infatti, secondo quanto riporta Fanpage, sembra che un ex corteggiatore di Claudio Sona, Gabriele Rapetti, abbia informato la redazione del programma che il tronista veronese è fidanzato e che, di fronte alle sue segnalazioni, avrebbero finto stupore ma nessuno avrebbe indagato. Il ragazzo avrebbe raccontato l’accaduto in un’intervista a ‘Gay.it’ dopo la sua esclusione dal programma di Maria De Filippi. Il tronista Claudio è andato a Uomini e Donne per cercare l’amore ma secondo quanto riporta Gabriele, sembra sia già fidanzato con un ragazzo della sua città.

Gabriele sostiene di averlo raccontato alla redazione di Uomini e Donne:

“Il tronista di Verona è già fidanzato e questo è certo, io lavoro a Verona e lo conosciamo tutti: ora cerca di non farsi vedere in giro con questa persona sino a che il programma non finisce. Ma non ci sto al fatto che la gente da casa venga illusa da questa novità mediatica! Io non sono l’esempio della perfezione e non lo sarò mai, ma chissà perché, quando ho iniziato a far trapelare certe cose, anche con la stessa redazione, l’atteggiamento è stato di “strano stupore” e di “finta indagine” e mi è stato detto che le cose, se sono vere, verranno fuori: ma se non ascoltate chi le cose le sa per certe (e non solo io), non farete venire fuori nulla, perché volete evitare polveroni e perdereste tutti i commenti sui social di quelli che non sanno nulla di tutto questo marcio e continuano a commentare con “che belli, che boni, che emozioni.”

Secondo Gabriele altri corteggiatori sanno che forse Claudio è fidanzato ma cercano solo visibilità:

“A prescindere dal fatto che non ho avuto molto interesse a conoscere il “tronista” in quanto mi è parso molto burattino e comandato, volevo specificare che i vari DJ e PR sono lì per, testualmente detto, “aumentare i followers delle loro pagine”, con l’aggiunta di “questa tanto è passiva”, “ha già un fidanzato, quindi stasera orge!”, “abbassiamo le mutande con gli autori”, “stiamo lì sino a quando non ci manda via” (e intanto Mediaset spende in biglietti del treno, alberghi, pulmini).”

Infine Gabriele conclude affermando:

“Il programma ci sta, ma il contenuto dei partecipanti è illusorio e finto. La redazione ha fatto un lavoro di selezione di alcuni mesi, come mai sono restate persone a cui non gliene frega un cazzo di conoscere qualcuno, che vanno in giro la sera a fare le peggiori porcate o scrivono ancora sulle chat con profili anonimi? Perché le selezioni non le hanno fatte gli stessi autori degli altri troni? Perché affidare questa responsabilità a chi è infiltrato nel mondo gay, quello marcio, e non a uno normale, comune, con una vita magari anche monotona ma che viva veramente di sentimenti e emozioni non influenzate dalla voglia di Instagram, Facebook, Grindr e blog?”