Il citomegalovirus è un virus che può colpire sia gli adulti che i neonati. Bisogna fare attenzione e riconoscerne subito i segnali.

Nonostante faccia parte della famiglia dei virus ubiquitari – ossia quelli molto comuni – il citomegalovirus è comunque un virus a cui fare molta attenzione. Molti scoprono di averlo preso soltanto dopo aver fatto degli esami specifici e si accorgono di aver sviluppato gli anticorpi. Questo fa capire che il citomegalovirus può portare delle infezioni lievi in persone in buona salute. Ma può essere altamente dannoso per coloro i quali sono immunodepressi e per le donne in gravidanza. In questo caso, però, la problematica è per il feto più che per la donna in stato interessante.

Infezione da citomegalovirus: sintomi

Come si manifesta il citomegalovirus? Sono tanti, e diversi, i segnali che ci possono far pensare di aver contratto questo virus. Dalla febbre superiore o pari a 38°C ai brividi a un senso di malessere generale. Ma non è tutto: perché alcune persone hanno anche ammesso di aver avuto mal di gola, stanchezza e dolori muscolari.

Spesso i sintomi da citomegalovirus negli adulti si possono manifestare anche con dolori alle gambe, soprattutto durante la notte, e con un abbassamento della vista. Questo accade perché questo virus può andare ad intaccare il sistema nervoso dell’individuo. Molti, inoltre, hanno riscontrato anche una perdita dell’appetito e l’ingrossamento dei linfonodi.

Stanchezza
Stanchezza

Citomegalovirus, come curarsi

Il periodo di incubazione di questo virus varia dalle 3 alle 12 settimane. Come lo si prende? In diversi modi: se si entra a contatto con lacrime, urine e feci di una persona infetta. Ma anche per via transplacentare, attraverso il latte materno – se si è nel periodo dell’allattamento – mediante una trasfusione di sangue o dopo un trapianto di midollo osseo.

Di solito per il citomegalovirus non ci sono particolari terapie da seguire a meno che non siete immunodepressi o non si parla di neonati. Ovviamente ogni caso è a sé e nel caso dovrete consultare il vostro medico di fiducia o uno specialista.

La cura da citomegalovirus, inoltre, prevede l’uso di farmaci antivirali e la guarigione si risolve dalle 4 alle 6 settimane.


Cos’è l’arnica e a cosa serve?

Peli incarniti all’inguine: cause e rimedi per evitare le infezioni