Da una recente ricerca scientifica è emerso che il cioccolato non solo non fa male, ma ci rende più intelligenti! Scopriamo perché.

Buone notizie per tutti i golosi di cioccolato: non solo non fa male, ma sembra anche essere in grado di renderci più intelligenti! A dirlo è stata una ricerca scientifica, durata più di quarant’anni, di cui ha parlato l’Huffington Post.

L’autore dello studio, lo psicologo Merril Elias, negli anni ’70 ha iniziato a monitorare le capacità cognitive di oltre mille newyorkesi, mettendole in correlazione con la loro dieta. Vediamo cosa è emerso!

Il cioccolato ci rende intelligenti: ecco perché

Cioccolato rende intelligenti
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/taccuino-piano-date-tazza-di-caff%C3%A8-1895165/

Secondo lo studio, coloro che mangiano cioccolato almeno una volta a settimana hanno migliori rese a livello cognitivo. In particolare, il Dottor Elias ha riscontrato maggiore memoria di lavoro, di monitoraggio e capacità di ragionamento astratto.

In una prima fase, i ricercatori hanno messo a confronto i punteggi di chi dichiarava di aver mangiato cioccolato almeno una volta a settimana con quelli di chi invece ne aveva mangiata di meno e hanno notato che i primi avevano prestazioni migliori. Nella seconda fase dello studio, hanno cercato di capire se i risultati fossero effettivamente dovuti all’alimentazione o si trattasse di capacità innate. I risultati non hanno lasciato dubbi: la seconda ipotesi è stata subito smentita.

La nutrizionista Georgina Crichton, una delle autrici dello studio, ha dichiarato: “La nostra ricerca indica che il consumo di cioccolato colpisce l’attività cognitiva. Il motivo non è ancora sicuro, probabilmente è dovuto ad un maggiore flusso di sangue al cervello, provocato dal consumo di cioccolato, e dalla presenza in quest’ultimo di metilxantine, una sostanza che migliora le capacità di concentrazione.

Attenzione, però, questo non vuol dire che consumando chili di cioccolata diventeremo tutti dei geni: “Quello che possiamo dire al momento è che se ne possono mangiare piccole quantità senza sensi di colpa”, ha concluso la Dottoressa Crichton.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 11-10-2017


Ciproxin: i farmaci equivalenti a base di ciprofloxacina

Capelli corti, sì o no? Come capire se staresti bene, prima di tagliarli