Scopriamo qualcosa di più su Naike Rivelli, la bellissima primogenita di Ornella Muti recentemente protagonista di Pechino Express

Naike Rivelli è famosa per essere la figlia primogenita di Ornella Muti. Classe 1974, nasce a Monaco di Baviera dalla relazione amorosa tra l’attrice italiana e il produttore Josè Luis Bermudez de Castro. Cresce respirando l’arte e il mondo del cinema così in giovanissima età decide di iscriversi alla Scuola Internazionale di Teatro a Roma.

L’esordio con Ettore Scola

Esordisce molto presto nel mondo dello spettacolo. A soli sedici anni, infatti, è una delle protagoniste del film “Il viaggio di Capitan Fracassa” per il regia del grande Ettore Scola. Un’esperienza importante a cui ne seguono delle altre tra cui “South Kensignton”, “Casanova” e tante altre. Non solo cinema, ma anche tanta televisione dove ricopre il duplice ruolo di presentatrice (“Paperissima Sprint”) che attrice recitando in diverse fiction televisive (“Il conte di Montecristo” per citarne una). Attrice, presentatrice, ma anche cantante. Naike, infatti, nel 2010 registra con il nome d’arte di Nayked il singolo “I Like Man” a cui segue il primo disco “Metamorphose Me”. Una carriera artistica altalenante che lo scorso anno l’hanno vista protagonista anche del reality “Pechino Express” dove ha incontrato il figlio di Albano con cui è attualmente fidanzata.

Provocatoria e controccorrente

In realtà nonostante i tanti lavori artistici la primogenita di Ornella Muti si è fatta conoscere al grande pubblico per alcune foto hot e diverse dichiarazioni che hanno scatenato chiacchiericci e gossip. Come quando dichiara la sua bisessualità scoperta a 27 anni e messa in bella mostra in un videoclip oppure quando recentemente si è scattata un selfie seminuda prima di entrare negli studi televisivi di Domenica 5 da Barbara D’Urso. Una cosa è certa: la Naike ha compreso come far parlare di sé attirando l’attenzione mediatica e gli occhi del pubblico italiano da sempre curioso della vita dei figli d’arte.


Truccarsi a 50 anni per un addio al nubilato

Cinque cose da vedere a Bucarest