Carriera di Francesco Cottone

Il successo e la carriera di Francesco Cottone: astuto e intuitivo imprenditore italiano nel mercato dell’elettronica e della telefonia.

chiudi

Caricamento Player...

Francesco Cottone è un imprenditore italiano, nato a Palermo il 12 luglio 1957. Il successo arriva quando si trasferisce a Milano e riesce ad imporsi come uno dei primi imprenditori italiani nel commercio con la Cina. Da allora iniziano tutta una serie di successi che lo portano ad aprire delle società italiane nell’ambito degli elettrodomestici, di prodotti elettronici e di telefoni cellulari. Purtroppo, però, al momento le cose non sembrano andar bene per Cottone, che è stato arrestato dalla Guardia di Finanzia nell’ambito dell’inchiesta del crac di Maxwork.

Carriera di Francesco Cottone: dal successo nel mercato cinese al lancio del digitale terreste.

Il successo con la Cina arriva grazie alla sua conoscenza del mercato estero e riesce ad introdurre in Italia molti prodotti elettronici come i lettori portatili di file musicali, lettori DVD, tv e radio. Un vero successo italiano che viene incontro alle esigenze dei consumatori e a prezzi contenuti.  In pochi sano che Cottone è stato anche tra i primi a diffondere in Italia i decoder per il digitale terreste. Fu, infatti, ex socio di Paolo Berlusconi della società Solari che distribuiva decoder. Nel 2009, Cottone ritorna sul mercato dell’elettronica, creando un’apposita divisione della Motom Italia Spa dedicata all’elettronica. La società cambia la sua denominazione in Motom Electronics Group Spa e rileva la Sansui e Akai.

La carriera di Giovanni Cottone nel mondo delle due ruote.

Nel 2005 Giovanni Cottone rileva il marchio Garelli e riesce a rilanciarlo con grande successo nel settore del motociclo. Nel 2007 rileva anche il marchio italiano Moton e lo rilancia nel settore motociclistico. Con Cottone ritorna anche la Lambretta. Nel 2008 elabora un progetto per il grande ritorno in strada, dopo aver rilevato il marchio e modernizzato il design.

 

 

Fonte immagine copertina: Twitter Giovanni Cottone