Il bonus bebè 2021 è una delle misure di sostegno destinate alle famiglie dopo la nascita di un figlio. In cosa consiste questo contributo?

Il bonus bebè, anche conosciuto come assegno di natalità, è uno dei contributi previsti dall’INPS come misura a sostegno delle famiglie, tra queste misure c’è anche quella dell’assegno familiare. Con questo bonus, che viene destinato a ogni nuovo figlio nato, le famiglie con redditi al di sotto di una certa soglia possono accedere a un contributo da utilizzare per le spese per il neonato. In linea di massima si richiede di presentare una dichiarazione con il reddito ISEE per il bonus bebè. Ecco come fare per richiederlo secondo le regole del 2021 (per i figli nati o adottati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2021).

Bonus bebè 2021: i requisiti

Chi può richiedere il bonus bebè? Ecco quali sono i requisiti richiesti:

-Bisogna essere cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in possesso di idoneo titolo di soggiorno;
-Occorre che il genitore richiedente abbia la residenza in Italia
– Necessaria la convivenza con il minore del genitore richiedente.

Bonus bebè 2021: come richiederlo?

Il contributo per la nascita del primo figlio o dei nuovi nati, che si applica anche nel caso di adozione o affidamento, ha una durata di un anno a partire dal mese di nascita, o di adozione/affido.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Padre e figli
Padre e figli

La domanda per la richiesta del bonus deve essere effettuata entro novanta giorni dalla data di nascita o comunque di ingresso del bimbo nel nucleo familiare: basterà accedere alla procedura online.

In questo caso, dopo l’approvazione, i richiedenti riceveranno l’assegno a partire dal mese successivo a quello in cui viene inoltrata la domanda. In questo primo assegno saranno inclusi anche i mesi precedenti, che vengono contati a partire dal mese di nascita.

Bonus bebè nel 2021 con ISEE mancante: cosa succede

Rispetto agli anni precedenti non sarà obbligatoria la presentazione dell’ISEE: in mancanza del documento si riceverà l’importo minimo. E quindi in questo caso 80 per il primo figlio, 96 per figlio successivo, per un totale di 960 euro annui o 1152 euro annui. Presentando l’ISEE successivamente, sarà possibile una integrazione: in questo modo si potrà ricevere la differenza.

Bonus bebè 2021: importi secondo le fasce ISEE

L’importo del bonus bebè, per i bimbi nati, adottati e in affidamento, nel 2021, dipende dalla fascia di reddito in cui si rientra (anche se come detto non è obbligatorio presentare l’ISEE). In caso di figlio successivo al primo, l’importo sarà maggiorato del 20 per cento.

-160 euro al mese (1.920 euro all’anno), per le famiglie con modello ISEE fino a 7.000 euro
-120 euro al mese (1.440 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE non superiore a 40.000 euro;
-80 euro al mese (960 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE superiore a 40.000 euro.


Cosa dice la legge anti abbandono? Ecco regole e sanzioni

La valigia per il parto: cosa mettere nella borsa da portare in ospedale