La bocca mani piedi è una malattia comune tra i bambini e molto contagiosa, vediamo come si presenta e quali sono i trattamenti possibili.

La malattia bocca mani piedi è un’infezione virale diffusa soprattutto tra i bambini. Tra le sue manifestazioni caratteristiche c’è l’esantema che interessa proprio mani, piedi e bocca, da cui il nome e l’appartenenza alle malattie esantematiche. Vediamo come avviene la trasmissione, quali altri sintomi si presentano e cosa si può fare per prevenire e curare la malattia.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Malattia bocca mani piedi: trasmissione e sintomi

Nel caso di malattia mani bocca piedi, il contagio dei genitori spesso è possibile visto che si tratta di un’infezione molto contagiosa. La malattia tende a diffondersi soprattutto in neonati e bambini piccoli, al di sotto dei 10 anni, tuttavia può essere trasmessa anche agli adulti, nei quali si manifesta in una forma più lieve. La trasmissione dell’infezione può avvenire per via area tramite starnuti o tosse, ma anche attraverso il contatto diretto.

Volto neonato
Volto neonato

Il tempo di incubazione della malattia è di 3 – 7 giorni circa, dopo i quali compare un’eruzione cutanea che interessa in genere il palmo della mano, la pianta dei piedi e la bocca. Si può anche manifestare febbre, diarrea, mal di gola, dolori alla pancia e mal di testa. Le vescicole che compaiono in genere non sono molto pruriginose, ma quelle che provocano maggiore fastidio sono le lesioni all’interno della bocca.

Malattia mani piedi bocca: prevenzione e cure

Non è disponibile un vaccino per la malattia, per cui l’unica strategia per prevenire la diffusione è l’igiene personale. In particolare bisognerebbe lavare spesso le mani dei bambini per evitare il contagio, insieme a evitare che condivida bicchieri o posate con altri bambini. La disinfezione delle aree comuni è anche importante, inoltre, durante la manifestazione della malattia è bene evitare di mandare i bambini a scuola.

Non esiste una vera e propria cura per la patologia, i farmaci che vengono utilizzati sono volti a ridurre i sintomi, per esempio il paracetamolo per far abbassare la febbre. Per le lesioni della bocca il medico può consigliare spray o gel da applicare sulle aree interessate dalle vescicole. In ogni caso un altro aspetto importante è evitare la disidratazione bevendo molti liquidi come acqua o latte ed evitando le bevande acide che potrebbero aggravare il bruciore.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 15-11-2021


Nomi con la E con significato ed origine

Cos’è la sindrome dei bambini farfalla?