La sindrome dei bambini farfalla è una rara malattia caratterizzata da pelle estremamente fragile e comparsa di vescicole.

La sindrome dei bambini farfalla è una malattia genetica rara scientificamente nota come epidermolisi bollosa. Si tratta di una malattia ereditaria della pelle che può interessare anche le mucose. Visto che spesso interessa mani e pieni si tratta di una malattia invalidante, inoltre non esistono ancora cure risolutive, ma ci sono diverse sperimentazioni in corso.

Perché si parla di “bambino farfalla”?

La malattia genetica è l’epidermolisi bollosa, ma viene spesso indicata come sindrome dei bambini farfalla o malattia della farfalla, proprio perché la pelle di chi soffre di questa malattia è fragile quanto le ali di una farfalla. La malattia è, infatti, caratterizzata dalla comparsa di lesioni e bolle che compaiono al minimo tocco o anche in maniera del tutto spontanea. La sindrome ha un’incidenza di 1 bambino su 17mila su base mondiale, mentre in Italia si registra un caso su 82mila nati.

Farfalla su una mano
Farfalla su una mano

In Italia l’associazione Debra Italia Onlus è impegnata nella promozione della ricerca sull’epidermolisi bollosa. L’associazione collabora a stretto contatto con i centri ospedalieri specializzati, favorendone lo sviluppo come è successo all’ospedale Bambino Gesù di Roma in cui è nato il primo centro per i pazienti affetti dalla sindrome. L’associazione Debra Italia ha anche avviato un registro per raccogliere informazioni e dati statistici sulla malattia e contribuire alle sperimentazioni svolte per la ricerca di nuovi trattamenti che includono anche la terapia genica e interventi di medicina rigenerativa.

Sindrome dei bambini farfalla: i centri in Italia e le terapie

Oltre all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ci sono altri centri multidisciplinari in Italia per fornire cure e supporto ai pazienti e alle famiglie: il policlinico di Milano, il Policlinico di Bari, l’ospedale Cannizzaro di Catania e il C.I.R. Dental School di Torino.

Per la sindrome non esiste una terapia risolutiva, ma si ricorre al trattamento dei sintomi e soprattutto ci si concentra sulla gestione delle ferite per evitare il rischio elevato di infezioni. I centri adottano un approccio multidisciplinare con diversi specialisti per aiutare le famiglie alla gestione delle difficoltà e dei problemi che i piccoli pazienti si trovano ad affrontare.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-11-2021


Come si manifesta la malattia bocca mani piedi?

Aborto: cosa stabilisce la legge 194 sull’interruzione di gravidanza?