Bevande energetiche: controindicazioni

I LATI NEGATIVI DELLE BEVANDE ENERGETICHE

chiudi

Caricamento Player...

Consumare bevande energetiche significa immettere nel corpo sostanze stimolanti ed eccitanti, come caffeina e taurina. Il loro consumo eccessivo è rischioso per la salute e gli esperti parlano di controindicazioni non indifferenti che sarebbe meglio evitare. Vediamo nel dettaglio gli aspetti negativi degli energy drink.

BEVANDE ENERGETICHE: LE CONTROINDICAZIONI

Mai abusare degli energy drink; le controindicazioni sono elevate e sono connesse alle alte dosi di caffeina, taurina, carnitina, vitamine del gruppo B, zuccheri, carboidrati e guaranà presenti.
Nello specifico, la caffeina concorre all’aumento di stati ansiosi, insonnia, tachicardia, disturbi intestinali e stress; la taurina favorisce l’ipertensione; la carnitina provoca nausea, vomito e disturbi intestinali; l’eccessiva assunzione di vitamine del gruppo B possono causare crampi, confusione, tachicardia e nausea; gli zuccheri e i carboidrati sono pericolosi principalmente per i soggetti diabetici o affetti da obesità; e il guaranà è molto simile alla caffeina e se in quantità superiore ai 200 g può provocare insonnia, tremori, ansia, palpitazioni e diuresi.

BEVANDE ENERGETICHE: RISCHI

Oltre alle controindicazioni legate all’assunzione eccessiva delle bevande energetiche, esistono ulteriori rischi collaterali.
Poiché gli energy drink contengono un pH acido compreso tra 3 a 4, a lungo andare erodono lo smalto dentale e limitano la produzione delle piastrine con il rischio di ostruire i vasi sanguigni. Ma i problemi più seri sono legati al fegato, infatti un eccesso di vitamina B3 può essere causa di epatite. Altro problema la dipendenza, causata dalle sostanze eccitanti di cui sono composte le bevande energetiche.
Infine, i giovani, principali fruitori di queste bevande, tendono a bere alcool. Il connubio superalcolici e bevanda energetica è deleterio, in quanto il prodotto stimolante della caffeina maschera l’effetto depressivo dell’alcool e il consumatore non si rende conto del grado d’ebbrezza posseduto. Attenzione dunque soprattutto se si è alla guida!