Giochi scintillanti di tessuti e trasparenze luminose: l’alta moda haute couture di Armani in tutto il suo splendore.

Come sarà l’autunno/inverno 2021? Re Giorgio non ha dubbi: colorato senza ombra di dubbio, ma soprattutto luminoso, uno scintillio elegante tra giochi di trasparenze ed effetti ottici che solo Armani Privé poteva regalare con la sua haute couture.

Dal buio, quello di questo ultimo anno, alla luce, per iniziare a vedere con nuovi occhi: un momento che non poteva non esigere la sfilata dal vivo. Per Giorgio Armani infatti tornare a Parigi per la Paris Fashion Week con la haute couture è condividere la verità che anche la moda con i suoi essenziali, i suoi tessuti, ha bisogno di incantare dal vivo, che possa vedere da vicino la potenza di una creazione.

Armani Privé alla Paris Fashion Week 2021: la sfilata all’ambasciata italiana

“Pensavo a dove sfilare, e mi è sembrato naturale chiedere di poter tornare qui: appena entrato, ho pensato di essere tornato a casa”, così ha spiegato Giorgio Armani la scelta della location in un’intervista. Ad assistere alla Privé Malika Ayane, Diane Kruger, Lilli Gruber e Laura Mattarella, in visita ufficiale insieme al padre.

Un’atmosfera elegante e sentita per accogliere una delle collezione più belle e scintillanti di Re Giorgio, che non ha voluto strafare: trucco leggero, capelli naturali, per bilanciare le onde di luce già regalate dai 68 look, avvolti in una palette cromatica delicatissima, dove rosa, pervinca, sabbia e verde acqua si incontrano in maniera equilibrata. Il segreto di Armani d’altronde è stato da sempre nella ricerca di un equilibrio perfetto tra l’incanto e l’eleganza.

Armani Haute Couture da incanto, tra tessuti fluidi, lucenti, e micro ruches

Naturalmente la collezione non poteva che chiamarsi Shine, un’esplosione non di paillettes o glitter, non sarebbe nello stile Armani, ma una passerella dove al centro di questi look intimi, privati, riservati ad occasioni speciali ma da cui possiamo rubare l’eleganza Armani in chiave 2021, c’è la forza, la lavorazione, la ricerca, la potenzialità di un tessuto.

Si resta di stucco di fronte ad uno dei look in black and grey, un classico del guardaroba Armani, dove il pantalone a sigaretta spicca e si illumina, valorizzando tutta la fluidità lucente del tessuto, un effetto liquido, quasi la modella si muovesse nell’acqua. Dal fluido alle trasparenze, delicatamente in fiore che giocano abiti voluminosi, e trasformano le micro ruches in una delle costanti di questa collezione: donne determinate che sanno essere estremamente femminili, giocando con suggestioni di outfit maschili.

E abbiamo quelli che potranno essere con molta fortuna i prossimi must have invernali: gonne pantalone in tulle insieme alle giacche in tweed illuminate da fili di lamé, e ancora le cappe in tessuto con una spolverata, senza esagerare, di paillettes. Dite la verità, avete già voglia di dire winter is coming?


Una sirena in abito gioiello: il red carpet di Chiara Ferragni a Cannes è da dieci e lode

La borsa Gucci Diana è la it-bag da sogno di una notte di mezza estate