Parliamo di allergia al gatto: da cosa è scatenata, come si identifica e quali sono i sintomi caratteristici di questa allergia?

Come le allergie stagionali provocate dai pollini delle piante, anche l’allergia al gatto è piuttosto comune e può comparire all’improvviso. In questo caso l’allergene è prodotto proprio dall’animale, ma come vedremo, non è collegato direttamente al pelo del gatto come si tende a pensare. Vediamo quali sono le cause dell’allergia al gatto, come si manifesta e come si fa a diagnosticarla.

Allergia al gatto: le cause

Nella maggior parte dei casi l’allergia ai gatti dipende da una proteina specifica che che viene prodotta dalle ghiandole sebacee e si ritrova anche in saliva e sudore dei nostri amici animali. Erroneamente, infatti, si tende a parlare di allergie al pelo del gatto, ma in realtà il principale allergene è proprio questa proteina identificata come Fel d1.

donna con gatto
donna con gatto

Visto che la proteina si ritrova nel sebo e nella saliva del gatto, viene facilmente diffusa sul pelo, nell’ambiente domestico, e inoltre, può essere trasferita anche ai vestiti. L’allergene viene prodotto da tutti i gatti, indipendentemente quindi sia dalla razza che dalla lunghezza stessa del pelo. Per questo motivo in genere l’allergia è verso tutti i gatti e non solo verso alcuni.

Allergia al gatto: i sintomi e la diagnosi

Abbiamo visto quali sono le cause dell’allergia ai gatti che si manifesta nelle persone che hanno un’ipersensibilità verso l’allergene, ora invece vediamo come si manifesta. Innanzitutto occorre sapere che i sintomi variano da persona a persona, le manifestazioni più comuni sono simili a quelle dell’allergia al polline e includono starnuti, prurito al naso e agli occhi, naso che gocciola o è congestionato e lacrimazione. In alcuni casi si può scatenare anche l’asma allergica accompagnata da difficoltà nella respirazione, attacchi di tosse e senso di oppressione a livello del torace.

Allergia Naso Fazzoletto
Allergia Naso Fazzoletto

La diagnosi, oltre che su un esame obiettivo che tiene conto dei sintomi di cui abbiamo appena parlato, si basa su test specifici. In particolare si può ricorrere al prick test con cui si verifica se ci sono reazioni ad allergeni specifici. In altri casi, quando ad esempio non è possibile eseguire il prick test, si può ricorrere al dosaggio delle immunoglobuline (IgE).

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-01-2022


Quattro Golden retriever hanno regalato un sorriso ai bambini ricoverati a Natale

Luca Argentero: Princess Leyla è il terzo amore della sua vita