Il coraggio giovanile dei primi cristiani

23 Gennaio: la santa del giorno è Emerenziana, coetanea di Sant’Agnese. Si oppose a coloro che tentarono di impedire i funerali della giovane martire.

La morte di Sant’Agnese

Sant’Agnese viene celebrata il 21 Gennaio, nel giorno in cui subì il martirio.
La giovane martire, che è oggi patrona delle vergini e delle fidanzate, morì alla giovanissima età di 12 anni per non aver voluto prendere in sposa un nobile romano, avendo giurato di dedicare la propria vita a Cristo.
Secondo quanto si narra la giovanetta venne prima condotta in un postribolo, dove stava per essere violata da un uomo. Un’improvvisa luce accecò l’uomo, che recuperò la vista soltanto a seguito delle preghiere che Agnese rivolse a Dio.
In un secondo momento fu stabilito che Agnese fossa arsa viva sul rogo, ma le fiamme non toccarono il suo corpo e i suoi capelli crebbero miracolosamente a dismisura per coprire le sue nudità.
Non riuscendo in alcun modo ad ucciderla fu dato ordine che venisse decapitata: per quanto il boia stesso la implorasse di abiurare la fede cristiana per avere salva la vita, Agnese rifiutò ancora una volta e infine il boia fu costretto a tagliarle la testa con una spada.

23 Gennaio: la Santa del giorno è Emerenziana

Ai funerali della martire parteciparono molti cristiani, estremamente impressionati dai miracoli che Dio aveva operato ben due volte per salvare la ragazza. Il corteo di cristiani non passò inosservato, e molti pagani aggredirono coloro che vi stavano partecipando, con l’intento di disperderli.
Tra i cristiani radunati per rendere l’estremo saluto alla loro martire c’era Emerenziana, una fanciulla che aveva cndiviso con Agnese il latte della balia e che come lei aveva non più di dodici anni. Emerenziana apostrofò duramente i pagani che si stavano scagliando contro i cristiani, intimando loro di andarsene. Per tutta risposta i pagani, indispettiti dal suo coraggio, la uccisero con pietre e percosse.
Oggi Sant’Emerenziana riposa nella Basilica di Sant’Agnese fuori le mura, in una casa d’argento sotto l’altare maggiore. In una chiesa molto più recente, costruita sempre in Roma nel Novecento e a lei dedicata, sono custodite parte delle sue reliquie .

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-01-2017


Avanti un altro 2017, quando va in onda il programma di Canale 5

La carriera di Valentino Picone