2 ottobre: Giornata internazionale della non violenza

La Giornata internazionale della nonviolenza si svolge il 2 ottobre, compleanno del Mahatma Gandhi.

chiudi

Caricamento Player...

La Giornata mondiale della nonviolenza è una ricorrenza che è stata fatta coincidere con la nascita del Mahatma Gandhi, leader del movimento per l’indipendenza indiana e pioniere della filosofia e la strategia della non-violenza. La Giornata è un’occasione per “diffondere il messaggio della non-violenza, anche attraverso l’educazione e la sensibilizzazione del pubblico”. Citando le parole del defunto leader: “La non violenza è la forza più grande a disposizione del genere umano è più potente della più potente arma di distruzione ideato da l’ingegnosità dell’uomo”.

Gandhi, che ha contribuito a portare l’India all’indipendenza, è stata l’ispirazione per i movimenti non violenti per i diritti civili e il cambiamento sociale in tutto il mondo. Nel corso della sua vita, Gandhi si è impegnato nella non-violenza anche in condizioni di oppressione e di fronte a sfide apparentemente insormontabili.

Definizione di non-violenza

Il principio della non-violenza, conosciuto anche come resistenza non violenta, rifiuta l’uso della violenza fisica per ottenere un cambiamento sociale o politico. Spesso descritto come “la politica della gente comune”, questa forma di lotta sociale è stata adottata da popolazioni di massa in tutto il mondo nelle campagne per la giustizia sociale.

Il termine di non-violenza è stato adottato da molti movimenti per il cambiamento sociale che non si concentrano sulla opposizione alla guerra. Un principio fondamentale della teoria della non-violenza è che il potere dei governanti dipende dal consenso della popolazione, e la non violenza mira pertanto a minare tale potere attraverso il ritiro del consenso e la collaborazione della popolazione.

Ci sono due categorie principali di azione non-violenza:

  • Azioni di protesta e persuasione
  • L’intervento non violento, come ad esempio blocchi e occupazioni.