Soggiorni in castello in Veneto

Il Veneto è la regione ideale per un soggiorno romantico nei suoi bellissimi castelli.

chiudi

Caricamento Player...

Con la nostra guida vi presentiamo due manieri di grande interesse storico.

Relais Castello Bevilacqua

Bevilacqua (Verona), sec. XIV

Un castello trecentesco nelle vicinanze di Verona, Venezia, Padova e Vicenza. Il Realis trasmette una sensazione di accoglienza: splendide suites nelle torri del maniero, vasche idromassaggio, luci soffuse e petali di rosa creano un’atmosfera davvero romantica.

Si può scegliere tra sette stanze totalmente diverse l’una dall’altra, i cui nomi richiamano quelli degli avi del Castello e delle loro passioni. Sette stanze scenografie create per rivivere le emozioni. I letti a baldacchino, magnifici affreschi decorativi donano alle camere uno stile rinascimentale con dettagli di moderno design. Per il rituale del bagno gli ospiti sono accolti e coccolati da grandi vasche idromassaggio doppie ad angolo.

Il Castello di San Pelagio

Due Carrare (Padova), sec. XVII

Questo castello, nel cuore della provincia di Padova, è abitato da oltre 300 anni dalla famiglia dei Conti Zaborra. Da qui, il poeta Gabriele d’Annunzio partì per il volo su Vienna nel 1918. Nelle stanze del poeta è rimasto tutto come allora. Passeggiare nel parco permette di immergersi nei profumi e nei colori che da sempre di una natura unica e rigogliosa.

Inoltre, il grande parco che circonda il Castello di San Pelagio è la soluzione ideale per eventi e matrimoni.

Dal 1970 la villa è stata sottoposta ad accurati restauri e ripensata nelle sue funzioni principalmente come Museo del Volo. Inaugurato nel 1980, frutto dell’impegno della proprietà e di Maria Fede Caproni, il Museo ripercorre l’intera storia del volo umano facendo perno sull’impresa dannunziana; a tale volo è dedicata la parte principale del museo con le stanze abitate dal poeta nel periodo 1917-1919. Fanno da “contorno” le sale dedicate a Leonardo, Montgolfier, Wright, Ferrarin, Lindbergh, Nobile, Balbo, Forlanini, Gagarin e Armstrong.

Fonte foto copertina: www.castellobevilacqua.com