Vivetta primavera estate 2018 nelle atmosfere fiabesche di Andrey Remnev

Vivetta primavera estate 2018 presenta la sua nuova collezione con una sfilata nelle atmosfere fiabesche di Andrey Remnev

chiudi

Caricamento Player...

Vivetta primavera estate 2018 ha presentato a Milano Moda Donna nello storico Palazzo del Senato la sua nuova collezione con una magica sfilata nelle atmosfere fiabesche di Andrey Remnev. Andrey Remnev è un artista contemporaneo russo che dipinge quadri fra storia e fiaba in un’atmosfera fiabesca e sognante ma in modi attuali e contemporanei.

Vivetta primavera estate 2018

Vivetta primavera estate 2018 propone i motivi prediletti da Remnev trasferiti direttamente sugli abiti. Un universo meraviglioso e incantato creato dall’attenzione ai particolari e dalla resa materica degli elementi.

Collage di decori realizzati a mano, macramè di paillettes, applicazioni di Swarovski e perline e tanto chiffon quasi come un’allure da anni Novanta. Broccati e duchesse dai colori vivaci e variopinti.

Gli iris fioriscono sui tessuti e si aggiungono elementi rubati al mondo subacqueo e al bosco. La natura supera la dimensione del reale. Animali fantastici come pesci e creature alate sbocciano in splendidi fiori.

Vivetta primavera estate 2018
Un trionfo di colori fluo: giallo, verde acido, fucsia. Così come i colori di Remnev e come le protagoniste dei suoi dipinti: sognanti e sospese in un’atmosfera surreale. Vivetta trasforma gli abiti in tele da proiettare in un universo meraviglioso e incantato, ricco di elementi magici.

In passerella gonne con balze colorate che sfumano, boots glitterati con fiocchi sul retro, T-shirt dal lettering infuocato. Non mancano camicie ricamate, denim con piume, dress lunghi e infine anche un abito da sposa in tulle bianco, rosa e azzurro baby.

Il risultato di Vivetta è una collezione allegra e appariscente tra surreale e reale con abiti svolazzanti ed esuberanti dal gusto pop e molto funny.

In front row era presente inaspettatamente anche l’artista russo contemporaneo da cui la collezione ha preso forme e colori: Andrey Remnev.