Ecco perché, secondo la scienza, vivere da soli è meglio

Anche secondo la scienza, vivere da soli è la cosa migliore. Vediamo quali sono tutti i vantaggi dello stile di vita solitario.

chiudi

Caricamento Player...

Per essere felici, bisogna stare con qualcuno? A quanto pare no, anche soli si sta benissimo, anzi, secondo la scienza chi vive da solo sta molto meglio di chi convive.

Vivere da soli, infatti, offre l’opportunità di rinnovarsi continuamente. A dirlo, come spiega il magazine Marie Claire, è il sociologo Eric Klinenberg, che ha dedicato un intero libro all’argomento, intitolato “Going Solo: The Extraordinary Rise and Surprising Appeal of Living Alone”. Vediamo meglio perché la vita solitaria farebbe bene a tutti.

Vivere da soli: i vantaggi

Vivere da soli

Secondo Klinenberg, la solitudine ha la capacità di farci sentire liberi e rilassati. Rispetto a chi abita con il proprio partner, chi vive da solo è più propenso ad andare al ristorante, a fare sport, ad andare a vedere delle mostre, al cinema e a impegnarsi nel sociale”. Chi vive con il proprio compagno, infatti, ha molti più vincoli e non è libero di fare ciò che vuole quando vuole.

A confermare questa tesi c’è anche un recente studio dell’Università del Michigan che ha dimostrato come vivere con un’altra persona influenzi la salute. Ad esempio, convivere con qualcuno che spesso è di cattivo umore, ha effetti negativi sulla salute mentale.

Vivere in solitudine, invece, ha parecchi vantaggi. Innanzitutto aiuta a diventare autonomi e ad avere più fiducia in se stessi e nelle proprie capacità. Ci si concentra poi molto di più sulle proprie esigenze e non è necessario metterle da parte per far felice qualcun altro. Infine, la cosa più ovvia: in casa si è completamente liberi di fare quel che si vuole e come si vuole, di entrare e uscire a qualsiasi ora e far entrare nuovi amici… anche in camera da letto!