Visitare il Castello di Avio, uno dei beni FAI

Il Castello di Avio, una suggestiva roccaforte immersa nella Val Lagarina. Ecco come visitare questo luogo straordinario salvato dal FAI.   

chiudi

Caricamento Player...

Il Castello di Avio è un edificio testimone di numerose storie d’amore e tragedie. Scopriamo di più su questa sentinella del Trentino Alto Adige.

Il castello

Il Castello di Avio, o Castello di Sabbionara, si erge in cima ad uno sperone roccioso situato nella frazione di Sabbionara. Si affaccia sulla Val Lagarina, attraversata dal fiume Adige. Si tratta di uno tra i più noti ed antichi monumenti fortificati del Trentino. Infatti, le prime fonti storiche che riportano l’esistenza di una fortezza costruita in questo luogo, denominata Castellum Ava, sono datate addirittura 1053. Sulla parte destra si erge una torre denominata “Picadora” perché, secondo la tradizione, sulla terrazza venivano impiccati i condannati.

Come arrivare

Il Castello di Avio si trova in Via al Castello – 38063 AVIO (TN). Le indicazioni per raggiungerlo sono le seguenti:

In auto – Prendere l’A22 (Autostrada del Brennero A22) e uscire al casello di Ala-Avio (tra Verona e Trento). Successivamente seguire i cartelli indicatori. Il parcheggio per auto si trova a 450 m dal Castello.

In treno –  Prendere la linea Verona – Brennero e scendere alla Stazione di Avio (circa 2,5 km di distanza dal sito).

In autobus – da Trento la fermata è Sabbionara d’Avio (circa 1 km di distanza dal sito).

Informazioni e orari

La struttura osserva i seguenti orari:

  • Da marzo a settembre è aperta tutti i giorni (ad esclusione dei lunedì e martedì non festivi) dalle 10 alle 18;
  • Da ottobre a al 27 novembre è aperta tutti i giorni (ad esclusione dei lunedì e martedì non festivi), dalle 10 alle 17;
  • Il mese di agosto è aperta anche il martedì.

Il numero di telefono per contattare la struttura è 0464684453 e l’email faiavio@fondoambiente.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.visitfai.it/castellodiavio/.

Fonte foto copertina: Wikipedia