Visitare l’Antica Barberia Giacalone

L’Antica Barberia Giacalone, un magnifico esempio di Art Decò a Genova. Ecco come visitare questo luogo straordinario protetto dal FAI.   

chiudi

Caricamento Player...

L’Antica Barberia Giacalone è una vecchia bottega che racchiude un’arredamento in perfetto stile Art Déco. Scopriamo di più su questo vero e proprio fiore all’occhiello di Genova.

La barberia

L’Antica Barberia Giacalone è un gioiello Art Déco incastonato negli stretti carrugi del centro di Genova. Si tratta di una bottega di barbiere storica. Nata nel 1882, nel 1992 venne ristrutturata e rinnovata da Italo Giacalone, figlio del proprietario, che la trasformò fino a farla diventare come la si può ammirare ancora oggi. Il negozio è caratterizzato da grandi specchi e soffitti policromi che lasciano spazio alla luce. I giochi di luce e ombre disegnati dagli antichi lampadari a goccia sono straordinari. Senza contare le vetrate, che ricordano quelle di cattedrali gotiche, e le pareti che rievocano invece l’arte bizantina. La Barberia è aperta al pubblico: il barbiere Tony Ferrante è lieto di accogliere clienti vecchi e nuovi e offrire loro il servizio di una rasatura a regola d’arte. L’Antica Barberia Giacalone è stata acquistata grazie a sottoscrizione pubblica nel 1992 e attualmente fa parte dei beni protetti dal FAI.

Come arrivare

L’Antica Barberia Giacalone si trova in Vicolo Nicolò Caprettari 14, Genova. Si trova proprio nel centro storico di Genova, a pochi passi dalla Cattedrale di San Lorenzo. Per ulteriori informazioni su come raggiungerla cliccare qui.

Informazioni e orari

Il barbiere Tony Ferrante è a disposizione dei clienti dal martedì al sabato, dalle 9 alle 18.

Per contattare il negozio rivolgersi alla Segreteria Regionale FAI Liguria. Il numero di telefono è 010 2091043 e gli orari sono da lunedì a giovedì, dalle 10 alle 15; L’email per eventuali comunicazioni è proprieta@fondoambiente.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.visitfai.it/anticabarberiagiacalone/.

Fonte immagine di copertina: Flickr