Città d’arte in Italia: Roma

La Roma di oggi è il frutto di millenni di interventi urbanistici e architettonici.

chiudi

Caricamento Player...

Roma racchiude mille volti in una sola città: capitale d’Italia, sede del papato, centro della cristianità e punto di riferimento culturale e artistico mondiale. La qualifica di città d’arte è dovuta alle tante opere dell’antichità come il Colosseo, il Pantheon, il Circo Massimo e i Fori Imperiali.

Città d’arte in Italia: Roma

Lo sviluppo di Roma è particolarmente fiorente sotto il dominio dei Papi, nel ‘400. È in questo periodo che artisti come il Bramante, Pinturicchio e Donatello lavorano alle grandi chiese della città mentre vengono eretti Palazzo Farnese, Palazzo della Cancelleria, Villa Farnesina e piazza del Campidoglio. Nel periodo barocco sono protagonisti artisti come Bernini e Borromini e, soprattutto, il Caravaggio. Sono gli anni del Palazzo del Quirinale, di Piazza Navona e di Palazzo Spada. I principali esempi di questo periodo sono Piazza del Popolo e il Monumento a Vittorio Emanuele II.

Il ‘900 vede la costruzione del Quartiere Coppedè, con il Villino delle Fate e l’EUR. La parte “cristiana” della città è simboleggiata dalle basiliche di San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura.

Il valore storico del passato si fonde con i capolavori dell’architettura contemporanea: il Ponte della Musica, l’Auditorium Parco della Musica di Renzo Piano, il Maxxi, il museo di arti contemporanee progettato da Zaha Hadid, il Palazzetto dello Sport, lo Stadio Flaminio, il Foro Italico e lo Stadio Olimpico.

Roma vuol dire anche avere l’imbarazzo della scelta tra mostre ed eventi ospitati presso i principali centri culturali della città: Galleria Borghese, Galleria Doria Pamphili, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Macro, Scuderie del Quirinale, Palazzo delle Esposizioni, Chiostro del Bramante, Villa Giulia, Musei Capitolini, Palazzo Altemps, Palazzo Barberini, Palazzo Massimo, Palazzo delle Esposizioni, Mercati di Traiano.

Fonte foto copertina: www.flickr.com