La moda dei capi vintage negli ultimi anni continua ad impazzare, e cresce sempre di più la voglia di acquistare o vendere pezzi anche firmati.

Fino a qualche tempo fa indossare capi vintage era qualcosa di raro ed eccentrico. Poi la moda ha colto e fatto suo questo gusto e questa voglia di ritorno al passato dall’aurea romantica, iniziando a riproporre capi cult delle scorse collezioni, it-bag da sfoggiare in versione riveduta e corretta, e continui richiami a tendenze che hanno segnato lo stile di una maison. Dal retrò al vintage quindi il passo è davvero molto breve, e se nelle collezioni ritroviamo pezzi che fanno eco alla moda dagli anni ’70 ai ’90, senza disdegnare incursioni degli anni ’60, allora perché non andare a caccia proprio dei pezzi originali?

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Capi vintage firmati: i negozi online dove acquistare e vendere

Girare per mercatini e strade con negozi che vendono capi e accessori vintage è il sogno di chi desidera vivere questa esperienza di shopping come un vero e proprio tuffo nel passato, ed è sicuramente il primo consiglio che ci sentiamo di dare agli appassionati: cercare online rivenditori e dedicarvi una giornata di sano shopping. Ma se per disparati motivi non fosse possibile qui ed ora, ci sono negozi online che cercano di farvi vivere in maniera digitale questa esperienza.

Uno di questi è Vintageria.it, che già alla prima pagina si presenta e ci accoglie in un mondo fatto di pixel, e che nasce come vetrina online del negozio a Venezia che porta lo stesso nome. La moda protagonista di questo e-commerce è quella anni ’80 e ’90, proposta in maniera fresca e giovane, attenta anche alla sostenibilità – ad ogni acquisto sul sito infatti è piantato un albero e si usano materiali riciclati per le spedizioni.

Altri nomi da appuntare sono Pifebo Vintage shop online, punto di riferimento per la moda anni ’60, Angelovintage, un piccolo paradiso online dove trovare non solo abiti, mentre merita particolare attenzione MillesimeStore che permette da cataloghi appositi di scegliere i capi di nostri interesse a peso, con la formula Kilosale, contenitori da 25 kg con all’interno capi della stagione scelta al momento dell’ordine.

Chi invece desidera vendere qualche capo scoperto nell’armadio della donna o della mamma, magari proprio per potersi permettere un guardaroba vintage con altri pezzi di suo gradimento, sito di riferimento per la vendita sono l’ormai noto Vinted, a cui si aggiungono Depop e Vintag.

Ispirazioni vintage: gli account Instagram da seguire e dove acquistare

Un po’ come Google, ad oggi anche Instagram è diventata la seconda, spesso anche la prima, vetrina che consultiamo per cercare un negozio, rintracciare una tendenza o per acquistare. E gli account Instagram dedicati esclusivamente al mondo del vintage, luoghi digitali di vendita e di ispirazione non mancano di certo.

– Uno di questi è No Austerity, con sede a New York ma che spedisce in tutto il mondo: un luogo che farà impazzire i cultori del vintage se già vi preannunciamo che potreste acciuffarvi vere e proprie rarità firmate, come un top macramè di Alexander McQueen datato 2003.

– Tra i più famosi c’è Madame Pauline Vintage, con sede a Milano. Nel suo account non c’è solo modo di avere un’idea dei capi presenti in boutique, ma indossati dalle amiche ed influencer del negozio, i post sono una costante ispirazione per pensare a degli abbinamenti vintage o un mix and match tra capi di ieri e di oggi.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 05-11-2021

Il tubino nero invernale sarà il nostro best friend: un passepartout da giorno o da sera

Pied de poule mania: dai cappotti agli abiti, ecco come indossare la stampa trendy di stagione