Vediamo quando e come viene somministrato il vaccino per il rotavirus e perché viene raccomandato.

Il vaccino per il rotavirus è indicato per la protezione da diversi ceppi di rotavirus. Il virus è responsabile di una forma di gastroenterite che colpisce soprattutto in età pediatrica, manifestandosi in genere entro i 5 anni di vita. La patologia è causato proprio da una tossina prodotta dal virus che va a ostacolare l’assorbimento di acqua a livello dell’intestino provocando diarrea. Il rotavirus tende a diffondersi soprattutto nella stagione invernale e l’unico metodo per prevenirlo, insieme alle norme igieniche comuni, è proprio il vaccino. Vediamo quando viene somministrato e come.

Vaccino rotavirus nei neonati

La vaccinazione per il rotavirus nei neonati rientra tra i vaccini raccomandati del calendario vaccinale italiano. Il vaccino viene somministrato in tre dosi (o due in base al tipo di vaccino), la prima viene in genere somministrata tra le 6 e le 12 settimane. Si prosegue con la seconda dose entro le 24 settimane e per finire la terza entro le 32 settimane. Entrambi i tipi di vaccino vengono somministrati per via orale. I vaccini sono efficaci per prevenire le infezioni da rotavirus, ovvero la principale causa di diarrea e gastroenterite in neonati e bambini.

Bambino con mal di pancia
Bambino con mal di pancia

L’infezione da rotavirus si manifesta con diarrea, ma anche vomito, dolori addominali e febbre. Una delle conseguenze più pericolose di quest’infezione è la disidratazione nei bambini più piccoli. Il virus può colpire anche adolescenti e adulti, ma si manifesta in forma più lieve e in alcuni casi anche in completa assenza di sintomi. Grazie all’introduzione della vaccinazione per il rotavirus per i nuovi nati dal 2018, è aumentata la copertura vaccinale.

Vaccino rotavirus neonati: effetti collaterali

La maggior parte dei bambini non presenta effetti dopo il vaccino per il rotavirus. In alcune occasioni si possono manifestare diarrea, vomito, irritabilità, mancanza di appetito o febbre. Queste manifestazioni sono lievi e si risolvono in pochi giorni. Come sottolinea l’Istituto Superiore di Sanità la vaccinazione è più sicura che contrarre la malattia e per questo rientra tra i vaccini raccomandati per i nuovi nati.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 01-12-2021


Vaccino anti Covid ai bambini: come comportarsi in caso di allergie o asma?

L’AIFA approva il vaccino anti Covid per i bambini