Vediamo in cosa consiste il vaccino esavalente, da quali patologie protegge e quando vengono eseguite somministrazione e richiami.

Il vaccino esavalente è tra le vaccinazioni obbligatorie che vengono somministrate ai bambini nel primo anno di vita. Il ciclo di vaccinazione avviene in tre dosi che vengono in genere somministrate al terzo, quinto e undicesimo mese. Vediamo quali sono le patologie da cui protegge questo vaccino.

Vaccino esavalente: cosa comprende?

La vaccinazione esavalente prende questo nome proprio perché protegge da sei diverse patologie, ovvero: tetano, difterite, pertosse, poliomielite, epatite B ed Haemophilus influenzae di tipo B. Il tetano è una malattia infettiva (non contagiosa) provocata dal Clostridium tetani, un batterio diffuso nell’ambiente che può entrare nell’organismo attraverso le ferite. La difterite è una malattia infettiva contagiosa e pericolosa provocata dalla tossina del batterio Corynebacterium diphtheriae.

Vaccino per bambini
Vaccino per bambini

La pertosse è anch’essa dovuta a un batterio (Bordetella pertussis) e nei bambini piccoli e nei neonati può essere pericolosa e portare a complicanze. La poliomielite è dovuta al poliovirus ed è una malattia infettiva con conseguenze gravi e invalidanti. L’epatite B è una malattia infettiva contagiosa che può causare epatiti acute, fulminanti e croniche. L’Haemophilus influenzae di tipo B è dovuta all’infezione scatenata dal batterio omonimo e va a colpire il tratto respiratorio, tra le conseguenze dell’infezione ci può anche essere la meningite.

Quando si fa il vaccino esavalente?

La vaccinazione è obbligatoria (a partire dal 2017) e viene somministrata in tre dosi nel primo anno di vita. Successivamente sono previsti dei richiami tra i 5 e i 6 anni di età con la vaccinazione anti difterite, tetano, pertosse e poliomielite. Un altro richiamo in dose ridotta viene raccomandato durante l’adolescenza tra i 12 e i 18 anni. Per epatite B ed Haemophilus influenzae di tipo B, invece, non sono previsti richiami perché è sufficiente la vaccinazione somministrata nel primo anno di vita.

Vaccino esavalente: effetti collaterali

La vaccinazione esavalente è ben tollerata, la febbre dopo il vaccino esavalente può presentarsi entro 48 ore dalla somministrazione. È possibile che si manifestino anche rossore, gonfiore o indolenzimento nella sede dell’iniezione.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 19-11-2021


Tante idee per nomi con la G maschili e femminili

Si possono indossare i tacchi in gravidanza?