L’uomo che cerchi dipende dal padre che hai avuto

Ogni donna ha dei canoni predefiniti nella ricerca del proprio partner ma tutto dipende dal padre che si ha avuto. Se il padre ha trattato con rispetto la figlia, non si cercherà a tutti i costi l’approvazione maschile, invece se il rapporto è stato conflittuale allora si sceglieranno partner distaccati

Forse non tutti lo sanno, ma la figura del padre gioca un ruolo fondamentale nelle scelte sentimentali di ogni donna. Un’interessante indagine è stata effettuata da “The Telegraph”.

Dall’inchiesta è risultato che, se si ha avuto un padre che ha usato gentilezza fortificando l’autostima, non si cercherà a tutti i costi l’approvazione maschile, rimbalzando da un partner sbagliato all’altro.

Vediamo insieme alcuni tipi di padri:

Il padre padrone, spesse volte impegnato e assorto solo nelle attività lavorative, di solito è lui stesso vittima di un altro padre autoritario, un copione che si reitera a livello generazionale. In questo caso bisognerebbe aspirare a un partner che ami il dialogo, che ascolti e non giudichi, creando un rapporto paritario e simmetrico.

Molto spesso invece il padre diventa un amicone: quando si è piccola averlo accanto è un divertimento perché con lui tutto è permesso mentre la mamma è vista come quella severa. Per contrapposizione, la scelta potrebbe ricadere su un uomo concreto e pratico, che prende in mano la sua vita con responsabilità. In questo caso avere accanto un uomo che sia un maschio, che abbia ben chiaro qual è la distinzione dei ruoli nella coppia.

Alcuni padri poi sembrano disinteressati anche se, in realtà, hanno solo un gran difficoltà a dimostrare i loro sentimenti.

Un padre così spesso costruisce rapporti frammentati con la figlia, fatto di assenze e di poca comunicazione ma anche di chiusura verso il mondo maschile, pensando che mai nessuno possa mai comprenderla veramente.

Il rischio di duplicare lo stesso meccanismo è quello di rincorrere uomini centrati su se stessi: egoisti e sfuggenti. Uomini che si danno poco e che non danno mai certezze. In questo caso bisognerebbe cercare compagni empatici, consapevoli della propria emotività, che non hanno paura di mettersi in gioco.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 04-12-2014

Emanuela Bertolone

X