Se un tempo dividevano, oggi gli Ugg sembrano mettere d’accordo tutti: su abiti, pantapalazzo e minigonne si scopre la loro versatilità.

Sono le scarpe da hanno diviso da sempre, e non neghiamolo: tutte quando abbiamo visto per la prima volta negli anni 2000 entrare gli Ugg nella moda street style abbiamo pensato che qualcosa ci fosse sfuggito. Eppure nel vederne oggi il rilancio, dovremmo stupirci molto meno da quando tutte abbiamo deciso di accogliere nel nostro armadio abbigliamento e accessori comfy come must have. Così come accaduto per la consacrazione delle Birkenstock quest’anno a sandalo da amare ora e per sempre, lo stesso accade quest’inverno con lo stivaletto in pelo e camoscio, del quale non vi resterà altro che chiedervi se puntare su colori classici o su le nuove nuance pop.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Ugg: la storia del brand e dello stivaletto sdogato dalle star nello streetwear americano

Lanciare accessori e tendenze alternative che sovvertano i classici canoni classici, anticonformisti quanto basta ma allo stesso tempo in un mood rassicurante, è un’operazione che non può passare non per la porta delle star. Le Ugg infatti, marchio e modello, devono il loro grande successo negli anni 2000 a volti come Britney Spears, Paris Hilton e Lindsay Lohan, che fecero nascere una vera e propria mania in California.

Accolti sicuramente con meno entusiasmo in Italia un tempo, quest’anno potrebbe essere quello della rivincita e non è da escludere che proprio Chiara Ferragni, già promotrice delle ciabatte in ogni materiale e forma da indossare come accessorio outdoor, possa essere l’ambassador perfetta per riaccendere la tendenza. La strada tuttavia per Ugg sarà molto più facile, e la voglia di comfort della pandemia ha aiutato non poco: si stima infatti che da inizio settembre le ricerche in merito al brand sono salite del 24% a settimana, senza contare che il fatturato del marchio nell’anno della pandemia è cresciuto considerevolmente.

Ugg quindi punta adesso su una strategia che in fin dei conti torna sempre al principio: affidare a qualche star, come Rihanna, la modella Emily Ratajkowski, la tendenza da (ri)consolidare, oltre che puntare su diversi designer di nicchia come Jeremy Scott che oltre a rinnovare e personalizzare i modelli, propongono un nuovo modo di indossarli.

Ugg, modelli 2021: mini, ultra mini, classic e pantofole, come abbinarli

Se la vostra domanda è sempre stata come poter abbinare gli Ugg, una volta che anche voi vi siete lasciate conquistare dalla loro comodità e praticità, il diktat del brand quest’anno è quello di presentare tutta la versatilità di questi stivaletti. Tra i modelli già ben noti come i mini, ultra mini e i classici che arrivano poco più su la caviglia ci sono anche quelli in versione pantofole Funkette, anche modello slingback. Proprio quest’ultimo che si è aggiunto alla collezione ha conquistato già Gigi Hadid, che ha puntato su un modello sabato abbinato ad un paio di jeans.

– Gli Ugg quest’anno vanno considerati semplicemente come un qualsiasi paio di stivaletti, da abbinare persino ad un look in stile tailleur, con pantapalazzo dal taglio dritto e non necessariamente con tute o pantaloni comfy. Dai colori classici come quello cammello, a quelli più vivaci come quelli a pois, fantasia o bicolor, l’invito è di indossarli anche sotto ad un abito elegante. Una scelta audace per chi vuole osare e personalizzare il proprio stile, andando oltre ogni dettame, esattamente come le star!

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 01-11-2021

In punta di Rockstud: le décolléte con le borchie sono le più glamour di stagione

La nuova geografia del nero nell’estate 2022 di Balenciaga