Tutti gli usi del dentifricio: sapevi che è ottimo come astringente per la pelle del viso e anche come sbiancante contro le macchie dell’argenteria?

Il dentifricio non serve solo per lavarsi i denti, ma può essere utilizzato ogni giorno in molte occasioni. Gli usi del dentifricio possono, infatti, interessare le faccende domestiche o degli speciali trattamenti per la pelle. Se applicato sulla cute può avere un’azione astringente o rinfrescante; in casa, invece, può rivelarsi un valido aiuto nelle pulizie di gioielli e macchie ostinate…

Vi abbiamo incuriositi? Scopriamo allora quali sono gli utilizzi più comuni del dentifricio nella vita di tutti i giorni!

Usi del dentifricio sulla pelle

-Il dentifricio, secondo un antico rimedio della nonna, sarebbe ottimo contro i brufoli in quanto aiuta a seccarli e a farli guarire più in fretta. Vi basterà usarne una piccola quantità direttamente sulla pelle e il gioco è fatto. Per quanto riguarda la scelta del dentifricio, preferite quello a pasta bianca e non quelli colorati. Gli ingredienti che aiutano a seccare i brufoli sono il bicarbonato di sodio e il perossido di idrogeno, che si trovano nella parte bianca.

Applicate una piccola quantità di dentifricio sul brufolo evitando di sporcare l’area circostante e quindi causare rossori o irritazioni. Per chi ha la pelle sensibile questa rimedio potrebbe risultare piuttosto irritante, quindi sarebbe meglio procedere prima con un piccolo test in una zona non troppo visibile.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Dentifricio
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/dentifricio-spazzolino-da-denti-3067569/

-Secondo l’antico sapere, poi, per i piccoli incidenti domestici come le scottature causate da fuoco, vapore o acqua bollente, il dentifricio sarebbe un rimedio lampo più che efficace. Applicato sulla zona scottata, darebbe sin da subito una piacevole sensazione di freschezza e sollievo dal bruciore.

Tuttavia dobbiamo mettervi in guardia: questo rimedio sarebbe meglio lasciarlo alle nonne visto l’elevato potere irritante del dentifricio. Rischiereste di andare ad irritare ancora di più la zona e provocare addirittura infezioni!

Gli usi del dentifricio per pulire e lucidare

-In caso di macchie di vino rosso ostinate, il dentifricio risolverà i vostri problemi. Il tessuto dovrà essere perfettamente asciutto: quindi aspettate che il vino sia evaporato. Per ottenere dei risultati ottimali, l’ideale è effettuare un pre-trattamento: prima del consueto lavaggio in lavatrice, applicate del dentifricio sulla macchia per circa quindici minuti.

Non utilizzate questo metodo su capi delicati perché potrebbe avere l’effetto candeggina!

-Da provare anche per lucidare gioielli, vassoi e cucchiaini d’argento in pochi minuti. Con l’aiuto di una spugna morbida strofinate il dentifricio sull’argento per un paio di minuti e passate poi sotto l’acqua corrente.

Se ci sono zone difficili da raggiungere potrete utilizzare uno spazzolino dalle setole morbide. Chiaramente non dovrà essere lo stesso che usate per lavarvi i denti: acquistatene a poco prezzo uno apposito che userete appositamente per questo tipo di lavori.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/dentifricio-spazzolino-da-denti-1786388/


Come riutilizzare gli avanzi di lana? 3 idee e lavoretti facili

Coliche: come distinguerle e come comportarsi