Siti Unesco in Italia: la Val d’Orcia

Il paesaggio della Val d’Orcia è una grande valle della Toscana, tra le province di Siena e di Grosseto.

chiudi

Caricamento Player...

La Val d’Orcia è un parco naturale, artistico e culturale, dal 2004 riconosciuto come patrimonio mondiale dell’Umanità. Il riconoscimento è dovuto allo stato di conservazione della zona, che ha avuto notevole influenza su molti artisti del Rinascimento. La Valle è apprezzata per la caratteristica estetica del paesaggio, le pianure e le colline sulle quali sorgono insediamenti fortificati. 

Siti Unesco in Italia: la Val d’Orcia

La Val d’Orcia è un eccezionale esempio del modo in cui il paesaggio è stato ri-scritto nel Rinascimento per riflettere gli ideali di buon governo e creare un’immagine esteticamente gradevole. Tutta la zona è stata celebrata dai pittori della Scuola Senese con raffigurazioni di paesaggi dove le persone vivono in armonia con la natura. Queste immagini sono divenute vere e proprie icone dell’epoca rinascimentale. Ne è un esempio perfetto il ciclo di affreschi di Ambrogio Lorenzetti “Allegoria ed Effetti del Buono e del Cattivo Governo” (1338-1339), conservato nel Palazzo Pubblico di Siena.

Percorrendo la valle incontrerete colline ricoperte da vigneti, oliveti, cipressi, faggeti e castagneti. Di tanto in tanto il paesaggio è interrotto da abitazioni di origine medievale, case rurali e rocche con torri. La particolare morfologia della zona è nata anche dai depositi di lava di Radicofani e dell’Amiata.

Castiglione d’Orcia, Montalcino, Pienza, Radicofani e San Quirico d’Orcia sono i comuni che hanno permesso la realizzazione del Parco della Val D’Orcia. Tra le altre località da visitare Contignano, Monticchiello, Bagno Vignoni, Rocca d’Orcia, Campiglia d’Orcia, Bagni San Filippo e Vivo d’Orcia. Tutta la valle è inoltre celebre per i prodotti enogastronomici, come il cacio pecorino di Pienza, il miele della Val d’Orcia, l’olio extra-vergine di oliva di Castiglione d’Orcia e i salumi di Cinta Senese.

Fonte foto copertina: www.unesco.it