I sintomi della meningite nei bambini variano in funzione dell’età, vediamo quali sono quelli più frequenti e come riconoscerli.

La meningite è una malattia infettiva acuta che può essere causata da virus, funghi, parassiti e batteri. La causa più frequente è spesso di origine virale, tuttavia i tipi più gravi di meningite sono causati da batteri. La meningite è caratterizzata dall’infiammazione delle meningi, ovvero gli strati di tessuto che rivestono il midollo spinale e il cervello. I maggiori rischi sono dovuti alle complicanze a livello neurologico e l’unica strategia di prevenzione è data dai vaccini. Vediamo quali sono i sintomi della meningite nei bambini e nei neonati.

Meningite nei bambini: i sintomi nei neonati

La meningite tende a colpire in particolare le fasce d’età più giovani e c’è una particolare incidenza nei bambini al di sotto di un anno. Altri soggetti a rischio sono le persone affette da patologie croniche, chi ha problemi al sistema immunitario e gli anziani. In base all’età anche i sintomi si manifestano in modo diverso, vediamo quali sono i sintomi iniziali nei neonati.

Neonato che piange
Neonato che piange

Nei neonati, in genere al di sotto dell’anno di età, i primi sintomi possono includere cambiamenti della temperatura corporea (aumento o abbassamento), mancanza di appetito e vomito. In alcuni casi si possono manifestare anche irritabilità e nervosismo che persistono anche quando il piccolo viene preso in braccio. Tra gli altri segnali viene evidenziato anche il gonfiore della fontanella (specie al di sotto dei 3 mesi), convulsioni ed eruzioni cutanee. È importante ricordare, però, che i sintomi nelle fasi iniziali tendono a non essere specifici. Per questo motivo deve essere considerato come campanello d’allarme anche un comportamento confuso o un’improvvisa e insolita sonnolenza.

Meningite: i sintomi nei bambini più grandi

Nei bambini più grandi l’insorgenza può avvenire con un raffreddore seguito da sintomi che possono includere febbre elevata, mal di testa intenso e irrigidimento dei muscoli del collo. Possono anche manifestarsi nausea o vomito, convulsioni e disagio provocato dalla luce (fotofobia).

Bambina febbre malattia
Bambina febbre malattia

In presenza di sintomi come questi è necessario contattare immediatamente il medico. La diagnosi viene effettuata attraverso esami del sangue e, soprattutto, tramite un prelievo di liquido spinale attraverso una puntura lombare.

ultimo aggiornamento: 29-08-2021


La scarlattina in gravidanza è pericolosa?

È normale avere perdite bianche in gravidanza?