Siete ansiosi? Rilassatevi in coppia con il bondage

chiudi

Caricamento Player...

Il bondage è presente sulle copertine delle riviste, nei video musicali, nelle serie tv e metà degli uomini e delle donne ammette di avere fantasie di dominazione o sottomissione

Da tempo il bondage è stato considerato un vero e proprio tabù, oggi invece vive un momento d’oro: è presente sulle copertine delle riviste, nei video musicali, nelle serie tv e metà degli uomini e delle donne ammette di avere fantasie di dominazione o sottomissione.

Ma perchè piace?

Il sadomaso è associato all’idea di dolore e chi non lo pratica non trova niente di rilassante in un corredo di fruste e manette. Eppure, chi lo pratica, giura di avere benefici psicologici. La scienza ha cominciato a studiare l’argomento, prendendo spunto da simili affermazioni, per capire se l’attività abbia realmente effetti positivi sugli stati ansiosi. La comunità BDSM ne è convinta.

Le “Hitchin Bitches” (gruppo di bondage composto da sole donne, da New York a Londra) parlano di “subspace”, di uno spazio altro, uno stato alterato di coscienza in cui ci si sente senza stress e presenti nel momento.

Uno studio dice che…

Uno studio del 2013, fatto su coppie sadomaso e su coppie più tradizionali, ha evidenziato che nelle prime c’era meno nevrosi, meno ansia, e più sicurezza del rapporto. Non si specificava però quali pratiche sortissero questo effetto. Un altro studio del 2014, condotto dalla “Northern Illinois University” su coppie che invertono i ruoli di sottomesso e dominatore, ha evidenziato un’ alterazione di stato.

E’ stato usato lo “Stroop Task”, un test  che rivela lo stato mentale prima e dopo un determinato evento, misurando memoria, attenzione e autocontrollo. Il test ha evidenziato una diminuzione notevole di punteggio nei sottomessi. La spiegazione può essere che il dolore e la restrizione riducono il sangue in alcune zone del cervello. In quel momento la sensazione è di non avere controllo, quindi è di completa libertà.

I dominatori hanno i loro benefici ma sembrano siano meno intensi. Secondo le ricerche di Sagarin, i dominatori sperimentano un alto senso del controllo e grande soddisfazione, compiutezza, traguardo.

Sagarin non lega l’apparente benessere a una attività fetish in particolare, ma a vari fattori, inclusa la durata dell’attività e la fiducia fra i partner. La teoria merita ulteriori esami scientifici e la sua università li sta attualmente conducendo.