Sharjah negli Emirati Arabi: i luoghi da visitare e le spiagge

Sharjah: il terzo emirato per grandezza a soli trenta minuti da Dubai

Sharjah è la capitale culturale degli Emirati Arabi per via delle sue numerose moschee e degli altrettanto diffusi musei. Scopriamola insieme.

Sharjah è uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti a poca distanza da Dubai. Dista, infatti, solo trenta minuti. Parlando di Sharja si fa anche riferimento alla capitale culturale degli Emirati Arabi. Tante sono infatti le moschee così come i musei che si trovano disseminati sul territorio.

Si tratta, inoltre, del terzo emirato in termini di grandezza. Il territorio presenta aspetti caratteristici e confina con l’Arabia Saudita e con l’Oman. Sono presenti le sabkha (le distese di sale) il Rubʿ al-Khālī (il secondo deserto sabbioso più grande al mondo.

Cosa vedere in città

Sharjah city (capitale culturale del mondo arabo secondo l’Unesco 1998) è una città ricca di sorprese da scoprire a poco a poco. Così facendo, infatti, si può venire a contatto con l’atmosfera tipica di questi territori . Caratteristica e assolutamente unica. Vediamo cosa non deve essere tralasciato dal turista.

Tanti sono i luoghi di culto che caratterizzano la zona. Numerosi siti religiosi (si contano 600 moschee) simbolo della particolare importanza che la pratica della fede riveste in questi territori. Tra questi, in particolare, troviamo due imponenti moschee.

Al Noor Mosque: Si trova sulla laguna di Khaled in prossimità della Buhaira Corniche. Aperta nel 2005, ha una capienza di 2200 posti in totale. Presenta un design turco ottomano, che si rifà alla moschea Sultan Ahmed in Turchia.

Tale stile architettonico particolarmente ricercato rende la sua vista suggestiva soprattutto al tramonto. Le moschee di Sharjah, infatti, così come i vari siti religiosi presenti, sono famosi e particolarmente apprezzati per la splendida illuminazione notturna che li caratterizza.

View this post on Instagram

#roamingaround #alnoormosque

A post shared by Adil Nandyat ® Munna (@adil_993) on

King Faysal Mosque: Dedicata al re Faysal, la sua costruzione risale al 1984. Presenta uno stile moderno e si fa custode di costumi e tradizioni profondamente radicati nella cultura degli Emirati. A colpire il turista sono le sue imponenti dimensioni.

Anche all’interno, infatti, troviamo un enorme lampadario di cristallo che occupa per intero lo spazio della cupola ed un altrettanto enorme tappeto che ne riveste la pavimentazione.

Tanti sono anche i musei presenti capaci di assecondare le esigenze più disparate per gusti ed età. Vediamo quali sono, tra questi, quelli da non perdere.

-Museo delle scienze: Ideale anche per i più piccoli, presenta al suo interno laboratori e dimostrazioni pratiche;

Al Eslah School Museum: Ripercorre l’evoluzione della scuola e dell’istruzione negli Emirati nel corso degli ultimi settant’anni;

Sharjah Maritime Museum: Al suo interno sono presenti imbarcazioni in legno un tempo di fondamentale importanza per la pesca e i commerci;

Museo sull’arte Islamica: Al suo interno si trovano più di 5mila manufatti artistici come ceramiche, dipinti, oggetti in vetro e strumenti scientifici per la misurazione. Il museo è collocato all’interno di un vecchio suq (caratteristico quartiere delle città arabe) restaurato. Nella parte più alta spicca una cupola con decorazioni che si rifanno allo zodiaco.

Le spiagge di Sharjah

Oltre alle bellezze culturali e religiose Sharjah è anche mare e spiagge. Ci troviamo infatti sulla costa del Golfo Persico tradizionalmente caratterizzata da spiagge di sabbia bianca che contrasta, dal punto di vista cromatico, con il mare dal blu intenso.

Non solo quindi il paesaggio in superficie è da togliere il fiato ma anche quello in profondità. Si trovano infatti tartarughe, squali, murene, pesci tropicali e barriere coralline.

La costa è disseminata da numerosi contrafforti rocciosi. Essi presentano spiagge di sabbia bianca che invitano ad immergersi e fare il bagno ma anche a rilassarsi così come a fare il barbecue. Da osservare delle regole per quanto riguarda l’abbigliamento. Le donne sulle spiagge di Sahrjah, infatti, devono presentarsi vestite in modo consono, non troppo scoperte.

Essere turista a Sahrjah significa quindi vivere esperienze mistiche e culturali di grandi intensità. Il tutto arricchito dal gusto del paesaggio circostante, dalle spiagge infinite dove godersi lunghe passeggiate in totale relax.

Fonte Foto: https://pxhere.com/it/photo/970212

ultimo aggiornamento: 22-07-2019

X