Vediamo quali sono gli accorgimenti da seguire per il rinvaso dell’orchidea, quando bisogna farlo e come fare.

Il rinvaso è un processo delicato per tutte le piante, in particolare quando si tratta di una pianta che necessità di alcune cure particolari, come le orchidee. Per questo oggi vedremo come fare il rinvaso dell’orchidea in modo che la pianta continui a fiorire in maniera abbondante. Per prima cosa, però, vediamo in quali casi è necessario il rinvaso e poi vediamo come rinvasare le orchidee.

Quando trapiantare le orchidee

Di norma le orchidee dovrebbero essere curate adeguatamente e rinvasate solo nel caso in cui la pianta diventi più grande del contenitore attuale. Inoltre, il travaso non andrebbe effettuato in qualsiasi momento, ma è necessario scegliere il periodo più adatto. Per le orchidee il momento migliore è al termine della fioritura. Ci sono anche altre circostanze in cui può essere necessario ricorrere al rinvaso, per esempio nel caso in cui le radici stiano andando incontro a marcescenza.

orchidee
orchidee

In questi casi, può capitare che le foglie dell’orchidea appaiano molli, ed è necessario quindi eliminare tutte le parti della pianta che stanno marcendo per recuperarla. Anche la presenza di parassiti nel terreno, può essere un valido motivo per procedere con il rinvaso. Ora che abbiamo visto quali sono i motivi principali per cui occorre travasare le orchidee, vediamo come procedere.

Come travasare un’orchidea

La prima cosa da fare è estrarre dal vaso l’orchidea, un’operazione delicata in cui possono danneggiarsi le radici. Per facilitare l’estrazione dal vaso, può essere utile annaffiare leggermente la pianta prima di questa operazione. A questo punto bisogna osservare adeguatamente le radici ed eliminare quelle che appaiono secche o marce. Per farlo ricordatevi di utilizzare sempre forbici sterilizzate.

Al momento del rinvaso occorre facilitare il posizionamento delle radici piegando delicatamente verso il basso. Dopo aver sistemato l’orchidea al centro del vaso, si può quindi utilizzare il nuovo terriccio in modo da riempire tutti gli spazi, ma senza pressarlo con forza per non danneggiare le radici. Se avevate già bagnato le radici, potete aspettare il giorno successivo per annaffiarle subito dopo il travaso. Nel rinvasare le orchidee Phalaenopsis, ricordatevi di utilizzare vasi trasparenti, in questo modo sarà più facile osservare lo stato delle radici e prendervi cura delle vostre piante.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Quali sono le cause del sangue nell’occhio?

Come fare sacchetti assorbi umidità fai da te