Ricette con cibi fermentati

Come farli fermentare e utilizzarli in cucina


Logo Zalando 190x52

Chi ama l’alimentazione naturale e biologica non può non apprezzare i cibi fermentati. Sono alimenti antiossidanti, che favoriscono la digestione e regolano le funzioni intestinali. Inoltre, la fermentazione permette ai fermenti lattici di avere effetto con le loro funzioni depurative, disinfettanti e digestive. Si passa da cibi a noi vicini, come i crauti nordeuropei, a quelli esotici come il kimchi coreano e le salse sudamericane. Ma quali sono le ricette con cibi fermentati per sfruttarli al meglio in cucina?

La fermentazione fatta in casa

Prima di passare alle ricette con cibi fermentati, bisogna decidere se comprarli o farli fermentare in casa. Il consiglio dei nutrizionisti per le donne che hanno un po’ di tempo e voglia è quello di tentare la strada dell’home-made. Per i crauti, per esempio, basta lavare un cavolo cappuccio e affettarlo a striscioline sottili. Queste vanno messe dentro un barattolo creando vari strati, intervallati da sale fino e bacche di ginepro schiacciate. La fermentazione deve avvenire per 2 settimane al fresco e al buio. Per il kimchi invece serve il cavolo cinese, sempre tagliato a strisce, mischiato a fior di sale, aglio, peperoncino, zucchero, salsa di soia, carota e cipollotti.

Alcune ricette con cibi fermentati

Per i già citati crauti si consiglia di usarli come contorno alla carne, o dentro panini e insalate. Il kimchi invece è l’ideale per accompagnare riso bianco e verdure bollite. Il formaggio di semi, ottenuto dalla fermentazione di semi di girasole, mandorle o anacardi, è perfetto con le composte di frutta. Come abbiamo detto esiste poi la smetana, la panna acida usata nell’Europa dell’Est. Dopo averla ottenuta mischiando panna fresca e yogurt greco, usarla per zuppe e vellutate o come condimento alle patate. Attenzione alla salsa di pomodoro e verdure messicana: il gusto fermentato è molto spiccato.