L’emergenza da Covid-19 mette a dura prova anche le feste in casa Windsor: ecco le ipotesi per il Natale della Regina Elisabetta.

I festeggiamenti di Natale per quest’anno saranno limitati per tutti e non ci saranno eccezioni neanche per la Regina Elisabetta. Le tradizioni della famiglia reale dovranno essere ridimensionate e ci saranno nuovi protocolli da rispettare. La funzione religiosa con la celebrazione della messa nella Chiesa di St. Mary Magdalene che al termine era sempre stata seguita da una folla acclamante è stata già cancellata. Ma non è tutto, perché anche i festeggiamenti successivi, compreso il banchetto di Natale, dovranno sottostare a delle limitazioni.

Natale “ristretto” per la Regina Elisabetta

Come tradizione ogni anno il Natale in casa Windsor si tiene a Sandringham e alla funzione religiosa segue poi il pranzo. Solitamente gli ospiti sono all’incirca trenta, ma naturalmente quest’anno difficilmente si potranno rispettare le tradizioni. Per il momento, infatti, è in vigore la “Regola del Sei” che impone, come si può facilmente intuire, di limitare a sei il numero massimo di persone in casa.

Regina Elisabetta e Filippo
Regina Elisabetta e Filippo

Non è ancora certo se questa regola verrà mantenuta anche a dicembre inoltrato. Se fosse così, però, questo costringerebbe Elisabetta e Filippo, che hanno da poco festeggiato 73 anni di matrimonio, a scegliere con chi trascorrere il Natale. Con Harry e Meghan lontani dal Regno Unito, la scelta potrebbe ricadere in un primo momento su William e Kate. Ma, così facendo, considerando anche Carlo e Camilla, si raggiungerebbe già il limite massimo per cui i figli del duca di Cambridge dovrebbero essere lasciati a casa. L’ipotesi alternativa, sarebbe quindi quella di invitare Edward, quartogenito della Regina, che insieme a sua moglie Sophie potrebbe portare al banchetto anche i due figli.

Protocolli rigidi, ma il personale si “ribella”

La scelta degli ospiti non sarà l’unica difficoltà che la Regina dovrà affrontare per questo Natale. Infatti, per evitare ogni rischio, l’intero personale alle dipendenze del Castello di Windsor è sottoposto a un protocollo rigido.

La severità delle regole, che impone al personale di sottoporsi a tampone e poi di sottostare per una settimana in isolamento anche nel caso di esito negativo, non è stata presa in modo favorevole dai domestici. Sembrerebbe, infatti, da quanto riportato dai tabloid inglesi, che sia in atto un vero e proprio “ammutinamento” di alcuni membri del personale.

ultimo aggiornamento: 29-11-2020


Migliori cuffie bluetooth: gli auricolari più adatti alle nostre esigenze

Cyber Monday: ecco i siti dove cercare sconti imperdibili!