Quanto tempo tenere tamponi nasali dopo la rinoplastica

Rimuovere i tamponi nasali dopo la rinoplastica va fatto dopo un certo lasso di tempo. Ecco quando toglierli.

chiudi

Caricamento Player...

Un’operazione di rinoplastica non è una passeggiata, e se molte persone vi si sottopongono per migliorare l’aspetto del proprio naso, in certi casi andando a correggere anche solo la punta o le narici, in altrettanti casi vi sono pazienti che devono operarsi al naso perché la deviazione del setto causa loro non pochi problemi respiratori. Qualunque sia la motivazione che spinge un individuo a rivolgersi a uno specialista per intervenire chirurgicamente sul proprio naso, la rinoplastica o la rinosettoplastica non sono operazioni che vanno prese sottogamba, bisogna affrontarle con la dovuta cautela e prepararsi ad un decorso post-chirurgico lungo e in alcuni casi doloroso.

Il chirurgo una volta terminato l’intervento inserisce nelle narici dei tamponi di garza o altro materiale sterile con funzione occlusiva, pratica una medicazione rigida sul dorso del naso ed applica altre garze appena sotto di esso per andare ad assorbire le secrezioni nasali. Queste garze possono essere rimosse senza problemi dopo uno o due giorni e sostituite se il naso sanguina in maniera eccessiva. In base al tipo di operazione effettuata la medicazione cambia: è ovvio che in caso di rinosettoplastica si interviene sul naso in maniera più incisiva, quindi sarà necessario applicare un numero maggiore di tamponi dalle dimensioni più grandi, mentre per quanto riguarda operazioni di entità minore sarà sufficiente una medicazione ‘standard’.

Per rimuovere i tamponi nasali dopo la rinoplastica sarà necessario attendere 24 ore dalla fine dell’intervento: se la rimozione è effettuata in maniera delicata e non sbrigativa questa pratica risulterà del tutto indolore. Per quanto riguarda invece il resto della medicazione sarà il medico a stabilire quando toglierla, ma in generale non si va più in là dei sette o otto giorni, salvo complicazioni che potrebbero subentrare durante il decorso post-operatorio e che potrebbero rendere necessari altri giorni di convalescenza.