Proteggere i capelli con la tinta senza ammoniaca è oramai un must, gravidanza o no. Vediamo le caratteristiche e quanto dura questa colorazione.

Come sapete, dopo numerose colorazioni, la capigliatura tende a seccarsi ed incresparsi. Inutile usare olii essenziali e argan, perché i capelli sono oramai sfibrati e privi di idratazione. Qual è la causa? Oltre a piastre e phon tanto demonizzati, è l’ammoniaca contenuta nelle tinture per capelli.

Se usate tinture temporanee e semipermanenti, questo problema è molto meno evidente, perché questi tipi di tinte contengono una quantità minore di sostanze chimiche.

Il fatto è che se si utilizzano tinture permanenti, l’ammoniaca apre le squame del capello per far sì che la colorazione, sotto forma di pigmenti, penetri meglio nella struttura e venga fissata adeguatamente quando le squame di richiudono. Risultato eccelso di colore, certo, ma il processo di apertura delle squame rende il capello crespo e sfibrato.

Da qui l’uso di tinte senza ammoniaca, sostituita da olii e dai burri vegetali in grado di potenziare l’effetto e la durata della colorazione senza però aprire le squame del capello. Sicuramente meno efficaci rispetto a quelle con ammoniaca, ad esempio per coprire i capelli bianchi, non è tuttavia un grande cruccio, perché basta ripetere la tinta più spesso, ovvero circa ogni 5-6 settimane.

Anche la tintura vegetale ha preso piede: parliamo dell’henné, una polvere ricavata da foglie essiccate di Lawsonia Inermis, in grado di coprire efficacemente i capelli bianchi senza stressarne la struttura. E come per magia rinforza il capello!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-07-2014


Come fare autopalpazione al seno

Come disinfettare piercing sulla lingua