Saper riconoscere il tumore al seno è molto importante, dal momento che è una delle maggiori cause di morte nel sesso femminile. Come fare l’autopalpazione?

Prevenirlo, ovviamente. Soprattutto dopo i 50 anni la prevenzione infatti deve essere la prima arma rivolta contro il tumore al seno attraverso l’autopalpazione.

Questa malattia genetica si trasmette di generazione in generazione, oppure a causa di fattori endogeni ed esogeni come l’assetto ormonale dell’individuo.

Tutte noi, ad ogni modo, dobbiamo avere il controllo del nostro seno e l’autopalpazione è un metodo essenziale. A tutte coloro che ancora hanno il ciclo mestruale, ogni mese, davanti allo specchio e sollevando le braccia, è bene che osservino attentamente la forma del seno. Sì, perché se questa vi pare cambiata, riferitelo al medico.

Dopodiché afferrate delicatamente un seno e palpatelo con la mano opposta, premendolo a lato con cura e con un movimento circolare della mano. Continuando fino al cavo ascellare, tenete ben presente anche l’area attorno al capezzolo. Se infatti un capezzolo che vi sembra si possa essere ritratto, o al contrario gonfio, rivolgetevi a uno specialista.

Per quanto riguarda i noduli, fate attenzione all’incavo ascellare e tentate di capire se la manipolazione vi arreca dolore. Non è detto infatti che sia un tumore: il seno è sede di diverse malattie che vanno dalle mastiti alle mastopatie fibroadenomatose cistiche, identificabili tramite una palpazione corretta.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
Benessere e Beauty

ultimo aggiornamento: 29-07-2014


Primo trimestre di gravidanza cosa fare

Quanto dura tinta senza ammoniaca