Quanta talassoterapia fare per la cellulite? Scopriamolo insieme.

La cellulite è un problema che interessa in forma più o meno grave la maggior parte delle donne. Oltre a seguire una corretta alimentazione e a fare, se si può, dell’esercizio fisico, la cellulite può essere combattuta anche con una serie di trattamenti estetici mirati che favoriscano lo scioglimento degli accumuli adiposi superficiali con conseguente riduzione della pelle a buccia d’arancia. I saloni di bellezza offrono tantissime possibilità, ma se abbiamo bisogno di un’alternativa naturale possiamo ricorrere alla talassoterapia, che migliora in maniera sostanziale l’aspetto della nostra pelle grazie a elementi tutti naturali ma non per questo inefficaci. Quanta talassoterapia fare per la cellulite?

Questo tipo di trattamento può essere effettuato in una Spa o una beauty farm in cui possiamo sottoporci a massaggi, fanghi, bagni e docce a base di alghe e Sali del Mar Morto. Questi due elementi contengono proprietà drenanti, liscianti, antisettiche e antifungine tanto da rendere la talassoterapia particolarmente indicata anche nella cura di dermatiti, eczemi e psoriasi.  Ma una volta finito il nostro soggiorno benessere dovremo continuare con la talassoterapia anche a casa nostra, per prolungarne gli effetti: come? E’ molto più semplice di quanto pensiamo.

Dobbiamo prendere un chilo di Sali del Mar Morto, reperibili in tutte le erboristerie, e versarli nella vasca da bagno che avremo riempito con acqua calda a una temperatura di 38 °C. Volendo, potremo unire anche delle alghe specifiche per la talassoterapia, da acquistare sempre dall’erborista. Non dovremo fare altro che immergerci nella vasca per una ventina di minuti: oltre a uno straordinario effetto relax, favoriremo il microcircolo cutaneo, il drenaggio dei liquidi in eccesso e il miglioramento del metabolismo grazie all’azione del sale, riducendo la sensazione di prurito della pelle nel caso avessimo problemi di dermatite.

Per combattere la cellulite e gli inestetismi cutanei superficiali, è bene sottoporci alla talassoterapia fai da te una volta alla settimana.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 06-12-2015


Come l’usare acqua ossigenata per togliere i brufoli

Come abbinare l’Arrak a tavola